venerdì 21 marzo 2008

Joel Peter Witkin, Glassman


L'uomo di vetro è trasparente, non ha nome. Trovato morto ammazzato non è nessuno nemmeno da morto, nessuno reclama il suo corpo. Nessuno si preoccupa che il suo cranio, sia riempito di carta dopo che durante l'autopsia gli è stato asportato il cervello. Si sa solo che è morto ammazzato e forse lui stesso è un assassino. Eppure, dopo tutto quello che gli è capitato, dopo la brutalità di una vita e di una morte che è solo possibile immaginare, uno sguardo ed una espressione del volto lasciano trasparire una serenità raggiunta seppur faticosamente.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.