martedì 15 aprile 2008

Parole sbagliate

Avete presente quelle lettere tutte deformate e puntinate usate da tanti siti per assicurarsi che l'utente che sta interagendo col sito sia una persona reale e non un programma automatico? Si chiamano Captcha, e molti le considerano scocciature inutili.



Da buon dislessico devo digitare almeno due volte per azzeccarle. Ecco, forse dovrei fare sempre così anche quando rispondo ad una mail (che di parole ce n'ha tante e le possibilità d'errore si moltiplicano): la prima risposta buttarla, tanto è sbagliata comunque, e passare alla seconda. Non sempre ho voglia di scrivere la seconda, però. Mi sembra di dare poca fiducia a me stesso, alle mia capacità di comprendonio e sbaglio. Inesorabilmente. Cosa dicevano i vecchi? Conta fino al tre prima di parlare. Ecco forse così sarebbe già più accettabile. Uno, due e...

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.