sabato 3 maggio 2008

Franco Marcoaldi, Il tempo ormai breve

Che dici? Se ti abbraccio forte
forte, ho qualche chance in più
di scampare alla morte?


Nota a margine (che non spiega la poesia). L'amore non fa scampare dalla morte, rimane l'abbraccio (forse). Tutto è precario e relativo se vediamo la prospettiva dalla parte del nostro destino biologico. Perché dunque esitare in quell'abbraccio? E' l'attimo, ora, che ci trova vivi, perché non coglierlo? Forse perché guardiamo sempre altrove anche quando stringiamo forte forte l'altro, anzi, a volte pensiamo che l'altro ci impedisca quasi di vedere oltre. Ma non è così: ci facciamo sopraffare dalla pietà per noi stessi. L'altro non c'entra, non limita il nostro guardare, potrebbe farci notare anzi nuovi particolari e comunque, anche se non parlasse, è lui stesso in attesa come noi. Tutti e due non scampiamo alla morte. Perché dunque non abbracciarci, ancora più forte?

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.