sabato 28 febbraio 2009

Gibigianna e metamorfosi



Emilio Scampini, Metamorfosi da Piccoli canti, 1993

Oggi sono un bel sasso del Ticino,
scintillante di mica, bianco e argento,
e sto giù a levigarmi, a luccicare
sotto il pelo carezzevole dell'acqua,
a godere da sotto il suo passare.
Il sole di giorno mi scalda,
la luna di notte m'incanta.
Irraggiato così, a gibigianna (1),
non so più cos'è un uomo,
e sono lieto di non saperlo.

Bienate, Aprile 1988

(1) scintillìo e/o balenìo di una luce riflessa su specchio e/o acqua.

Pensierino. Esiste una natura senza l'uomo. C'era nella notte dei tempi, ha continuato a macinare millenni senza che occhio d'uomo la osservasse e probabilmente ci sarà anche dopo che l'uomo sarà scomparso, inghiottito da chissà quale catastrofe che si sarà cercata o che arriverà improvvisa dalla profondità delle galassie. Per qualcuno è un pensiero blasfemo (l'uomo è il culmine della "creazione"), per me è semplicemente rassicurante.

1 commento:

  1. Thanκs on уour mаrѵelouѕ postіng!
    Ι truly enjoyed readіng it, уou will be
    a great аuthor.I will ensuгe thаt I bookmаrk уοur blog and will eventually come baсk from now on.
    I want tο encourage yourself to continue your grеat job, have a nice holіԁay weekend!
    My blog post : Read the Full Post

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.