venerdì 13 febbraio 2009

Pubblicità negativa


Il Giudice di Milano ha emesso la sentenza che riguarda il tabaccaio che per reagire alla ennesima rapina ha estratto la pistola, inseguito i due rapinatori, ucciso uno e ferito l'altro. Il tabaccaio è stato condannato per "legittima difesa putativa in seguito ad un errore di percezione". Il fatto è avvento nel 2003 in una tabaccheria di Via Magenta a Milano.

Ora si può pensare come si vuole sulla "legittimità" dell'uso delle armi, ma personalmente non entrerò più in quel bar.

PS "Io non sono un tabaccaio (con la pistola)"

4 commenti:

  1. Mi piace molto questa tua presa di posizione. Penso che per fortuna ho ancora qualche euro in tasca e caffè, giornale e un pezzo di pizza me lo vado a prendere dove, se non la certezza, almeno un vago senso di rettitudine mi fa apprezzare il commerciante in questione.
    Luz

    RispondiElimina
  2. In linea di massima concorderei, ma ieri ho sentito il tabaccaio dire una cosa, secondo me buona:
    "Se tornassi indietro non porterei più con me la pistola, ma avevo già subito tre furti"
    Il discorso esprimeva una specie di pentimento (ed è già qualcosa),
    l'idea che occorre farsi giustizia da sè (cosa grave ma che non è solo colpa della gente comune...), e la constatazione che se hai un'arma a portata di mano la usi.
    Direi che questo tabaccaio alla fine non è peggiore di molti altri...
    g

    RispondiElimina
  3. Ho visto la faccia del tabaccaio e sentito le sue dichiarazioni, mi pareva un povero uomo anche n buona fede. Ho visto e sentito, purtroppo, anche le dichiarazioni del figlio che mi pareva un novello Salvini o Borghezio di turno...

    RispondiElimina
  4. una volta c'era l'eccesso di leggittima difesa.. adesso la stessa è punita in seguito ad un errore....ma che Italia è?

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.