mercoledì 18 novembre 2009

Consolazione



Quello che mi consola è che quando se ne andrà, travolto dalla stessa macchina infernale che ha costruito, avrà sempre quel bel sorriso sulla bocca. Gli altri (lecchini, palafrenieri, ruffiani, mantenuti che si sono fatti intorno alla sua corte) rideranno molto meno.

2 commenti:

  1. Credo che avra poco da ridere quando non ne avra più motivo per farlo.

    RispondiElimina
  2. E' vero. Però è pur vero che, quando se ne andrà, anche noi avremo poco da ridere. Per le condizioni nelle quali (molto probabilmente) ci lascerà!

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.