giovedì 24 giugno 2010

Se otto ore vi sembran poche

Il mio amico Antonio raccontava ieri sera di quando ha cominciato a lavorare a 14 anni in officina a Legnano. Al tempo lui abitava a Castano ed ogni mattina col padre, che lavorava nella stessa fabbrica, prendevano la bicicletta e facevano 15 km per raggiungere il posto di lavoro. Lavoravano nel 1946 12 ore al giorno dalle 7 del mattina alle 19 senza pausa pranzo: a mezzogiorno mettevano la schiescetta e scaldare vicino al forno e poi mangiavano lì sul posto di lavoro. Qualche anno dopo la mamma di Antonio è riuscita a far assumere il figlio a Castano in una importante officina ["si sa che le donne riescono a ottenere quello che vogliono", dice) e lì era festa grande: lavorava "solo" 10 ore al giorno e 8 il sabato, così terminare alle 17.30 era festa grande. Quasi sempre doveva andare a lavorare anche la domenica mattina, ma solo per fare le pulizie dell'officina.
Il boom economico era cominciato e loro, gli operai, ne erano il motore. L'hanno pagato sulla loro viva pelle, con infiniti sacrifici. Poi, molto tempo dopo, è arrivato il tempo dei diritti e delle conquiste sindacali.
I 400.000 imprenditori e le 200 famiglie che governano l'Italia hanno accumulato delle fortune grazie a questo lavoro. Non dovrebbero dimenticarlo quando aprono bocca.

2 commenti:

  1. Gia se ne sono diimenticati loro e i loro figli.
    Purtroppo. L'italia è sempre passata per le noistre mani.
    Ciao Guglielmo.

    RispondiElimina
  2. in Italia tutti si sono fatti da soli, nessuno deve niente a nessuno, nè le 200 famiglie nè i 400mila imprenditori (solo? li pensavo più numerosi!)
    grazie per la condivisione di questa storia

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.