giovedì 16 settembre 2010

Vigneti, uve e uomini che non ci sono più

dal Brindes de Meneghin a l’Ostaria

Carlo Porta

Milano, 1815

(traduzione di Giovanni Staccotti

da “I vini cantati da Carlo Porta”)




“…. vorrev mettegh lì tucc in spallera


i nost scabbi, scialos e baffios,


quell bell limped e sodo d’Angera,


quell de Casten brillant e giusos,


quij grazios – de la Santa e d’Osnagh


quell magnifegh de Omaa, de Buragh,


quell de Vaver posaa e sostanzios,


quell sinzer e piccant de Casal,


quij cordial – de Canonega e Oren,


quij mostos – nett e s’cett e salaa


de Suigh, de Biasson, de Casaa,


de Bust piccol, Buscaa (ul me paes, ndr), Parabiagh,


de Mombell, de Cassan, Noeuva e Des,


de Maggenta, de Arlaa, de Vares


e olter milla million – de vin bon,


che s’el riva a saggiaj el Patron,


nol ne bev mai pù on gott forestee;


fors el loda, chi sa, el cantinee


e fors’anca el le ciamma e el ghe ordenna


de inviaghen quaj bonza a Vienna”




“…..vorrei mettergli tutti in mostra

i nostri vini, generosi e coi baffi,

quello bello limpido e sodo d’Angera,

quello di Castano brillante e sugoso,

quelli graziosi della Santa e di Osnago,

quello magnifico di Omate, di Burago,

quello di Vaprio posato e sostanzioso,

quello sincero e piccante di Casale,

quelli cordiani – di Canonica e Oreno,

quelli mostosi – netti e schietti e saporiti

di Sovico, di Biassono, di Casate,

di Busto piccolo, Buscate (il mio paese, ndr), Parabiago,

di Mombello, di Cassano, NOva e Desio,

di Magenta, di Arlate, di Varese

e altri mille milioni- di vini buoni,

che se arriva ad assaggiarli il Padrone,

non ne beve mai più un goccio forestiero;

forse loda, chi sa, il cantiniere

e forse anche lo chiama e gli ordina

di inviargliene qualche carro-botte a Vienna”.



Grappolo della vigna sperimentale (ripiantata) nel Parco della Villa Annoni di Cuggiono (Mi)


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.