domenica 24 ottobre 2010

Eremiti sul Lago Maggiore

Ci sono posti che sono incredibili. Mai avresti pensato che un naufrago sbattuto su queste rocce potesse pensare di abitare lì in una grotta, come un eremita. Guardando il Lago non immagineresti una simile furia, eppure il vento di Mergozzo è ancora oggi temibile e ne ha fatto ultimamente (2006) le spese un secolare albero (Cipresso del Kashmir del diametro di 7 metri) dell'Isola Madre che è stato piegato come un fuscello. 


Guido Ceronetti traduce Antonio Machado da Trafitture di tenerezza , Einaudi


In coro con me cantate:
Sapere, nulla sappiamo.
Arcano, il mare da cui veniamo.
Ignoto il mare in cui finiremo.
Posto tra i due misteri
E' il grave enigma: tre
Casse che chiuse una perduta chiave.
La luce nulla illumina,
Il sapiente nulla insegna.
La parola dice qualcosa?
L'acqua, alla pietra, dice qualcosa?  

7 commenti:

  1. L'acqua alla pietra dice qualcosa?...
    Bisogna dare una sola risposta?
    Ciup ciup ciup ciup?
    Plof plof plof plof?
    :-)
    Certo che leggere questa magnifica poesia di Machado in mattinata ben dispone per il resto della giornata: ormai, siamo pronti a tutto.
    Comunque, sarebbe interessante sapere cosa ha detto il vento di Mergozzo a quel cipresso del Kashmir, per ridurlo così!

    RispondiElimina
  2. Rom, e se fosse stato il cipresso a dir qualcosa di irritante al vento? O forse il vento è banalmente e semplicemente invidioso del Tempo afferrato dal cipresso, delle sue radici avvinghiate alla roccia, della sua chioma altera e svettante.
    E canto anch'io le parole che cantano il mare e la roccia (sottovoce, ché sono stonata)

    RispondiElimina
  3. Tra i colori della solitudine mi ritrovo eremita dei miei sogni in un silenzio di parole.

    RispondiElimina
  4. Che posto straordinario... Vorrei essere lì

    RispondiElimina
  5. mi sento in ansia per quel cipresso :-(

    RispondiElimina
  6. Acqua, cipressi e roccia che parlano...se passa di qui qualcuno si chiederà che cosa ci siamo fumati -:)))

    X Maurizio. Abbiamo bisogno di te in giro per il mondo e non come eremita...

    x Amatari e Giulia. Grazie

    x Arnicamontana. C'è da più di 4 anni un botanico specializzato olandese che le cura. Quello campa per qualche altro secolo -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.