domenica 10 ottobre 2010

Segno l'ora serena

La meridiana

Non si era mai accorto, Enrico, della meridiana posta sul lato sud della serra. Da bambino non poteva certo scorgere tra il fitto rampicante il quadrante e lo spuntone. Anche oggi la si poteva intravedere alzandosi sulla punta dei piedi ed osservando attentamente si notava anche un sole fiammeggiante al centro dai colori ormai stinti ed un cartiglio a fregio che riportava il motto "Segno l'ora serena". Nell'angolo una figura femminile dalla lunga veste nella posa plastica di un passo di danza.
Enrico si chiedeva ora che ci facesse una meridiana nel giardino: il tempo in quello spazio gli era sembrato sempre dilatato e scandito solo dalle stagioni. Invece qualcuno aveva pensato di fare quell'intrusione come a voler ricordare che esisteva un tempo più breve, scandito dal passaggio del sole. Nello stesso tempo e contraddittoriamente la sua posizione era infelice per quel compito di orologio solare. Stretta tra una fitta coltre di alberi l'asta della meridiana rimaneva senza ombra, diventando monito di un tempo che trascorreva senza la possibilità nemmeno di misurarlo. "Segno l'ora serena" suonava frase crudele dal momento che non segnava alcuna ora. (Guglielmo Gaviani, Traversagnetta, ed. ilmiolibro.it, 2009. Racconto Il giardino).


13 commenti:

  1. Bello.
    La meridiana non può più segnare l'ora serena: non ha la luce del sole, per farlo, neanche quando il sole c'è, e quando poteva, quando non era stretta nella fitta coltre di alberi, aveva comunque bisogno del sole, sicché, quando segnava l'ora, il sole c'era e questo bastava a rasserenare l'animo.
    Domani andrò dall'orologiaio vicino casa, e gli dirò di aprire il mio orologio e scriverci sul quadrante "segno l'ora serena". Anche quando c'è la luna, anche quando non c'è nemmeno la luna, sempre, sempre!
    :-)

    RispondiElimina
  2. la meridiana era stata messa lì, all'ombra, proprio per ricordare che il tempo in quel giardino era dilatato e scandito solo dalle stagioni

    (Guglielmo mi sono spaventata ieri...non ti trovavo più)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. x Rom. Grazie per le tracce che lasci qui. Io ho risolto in altro modo per l'orologio: semplicemente non lo porto anzi a dir la verità non ce l'ho proprio... -:)))

    X Frammentaria. Già le stagioni sono un bell'orologio...
    C'è un folletto che ogni tanto cancella il mio blog e mi tocca tutte le volte andare a ripristinarlo... chissà, sarà un segno che è ora di chiudere baracca e burattini?

    RispondiElimina
  5. Guglielmo, che cos'è questa cosa del chiudere baracca e burattini? Se è un segno, semmai può esserlo di quella difficoltà che ti ho segnalato, di pesantezza tecnica di caricamento del tuo blog. Tecnica, almeno per chi ha un vecchio computer come me, e sottolineo tecnica.

    RispondiElimina
  6. son d'accordo con rom, se è un segno sicuramente NON è di chiudere nulla, ché mi daresti un grosso dispiacere! che ci sia una certa pesantezza tecnica lo confermo anch'io, il mio pc a manovella ci mette un po' a caricare iltuo blog. dipende dalle immagini, le insierisci così come escono dalla macchinetta con una risoluzione elevatissima, credo che dovresti ridurla (la risoluzione, dico).
    I folletti son dispettosi, bisogna saperli prendere con la risoluzione giusta :)

    RispondiElimina
  7. errata corrige (ma solo la più evidente:)= inserisci

    e poi, ho già detto che devo essere meno risoluto con le foto? ah sì, l'ho detto solo 3 volte in due righe :)

    RispondiElimina
  8. devi, non devo...
    ancora un messaggio di correzione della correzione e mi merito l'antispamming :)

    RispondiElimina
  9. Ho brutalmente eseguito i vostri consigli riducendo la dimensione delle foto (dei primi 20 posto , il resto rimane com'è) ed il numero di post visualizzabili per pagina...
    Fate un cenno se va meglio..

    RispondiElimina
  10. Sì, il caricamento è diventato più veloce. Non so se siano le foto a dare il problema - ammesso che problema ci sia al di là dei nostri computer a manovella... - sono gli annessi, i componenti aggiuntivi, ad essere lenti a caricarsi, e non il contenuto dei post, mi sembra. Prova ad alleggerire qualcosa di secondario per te nei componenti aggiuntivi, se non lo hai già fatto.
    Le foto ti conviene alleggerirle prima di caricarle, se già non lo fai: prima le pubblicavo originali, da un po' di tempo ne salvo appositamente una copia per pubblicarla intorno a 1 Mb, mentre quelle originali sono di circa 4-5 Mb, come saranno anche le tue, penso.

    Comunque, va meglio: ora non ho più tempo di andare a prendere un caffè in attesa di vedere il tuo blog, per cui bevo meno caffè, sono meno impaziente e va meglio. :-)

    RispondiElimina
  11. ciao Guglielmo, il racconto mi è piaciuto e mi piacerebbe leggere anche gli altri della raccolta...
    Confesso di aver avuto sempre problemi di caricamento col tuo blog ma l'avevo attribuito alla musica, non ne ho mai parlato perché comunque le tue playlist mi piacciono sempre e portavo pazienza!Invece sono le immagini...eh, Rom ne sa una più del diavolo!

    RispondiElimina
  12. Ciao, Guglielmo. Ho trovato molto bello il tuo racconto. Dai al lettore solo ciò che gli serve per orientarsi, il resto, lo lasci fare a lui... Come piace a me. Hai una delicatezza che incanta.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  13. x Arnica. Il libro è in vendita su ilmiolibro.it a 7 € + spese di spedizione. Ma a chiunque lo voglia lo invio in formato pdf gratuitamente.

    x Giacynta. La concisione mi si addice, infatti scrivo pensierini o al massimo brevi racconti. Non ho il "fiato" per scrivere un romanzo...

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.