domenica 7 novembre 2010

Sospesa(o)

Era trascorso il tuo tempo
ed ora,
staccata dal ramo da un colpo di vento,
ti aspettava la terra accogliente,
ma sei rimasta appesa
ad un filo invisibile...

15 commenti:

  1. Bellissime parole che accompagnano una fotografia incredibile...

    RispondiElimina
  2. "Qui e là, sugli alberi, resistono ancora le ultime foglie, e io resto pensieroso dinanzi a loro. Contemplo una foglia e la mia speranza vi s'aggrappa. Quando il vento la fa muovere, trema tutto il mio essere, e se cade, ahimé, è la mia speranza che cade con lei"
    (Schubert "Letzte hoffnung" in VIAGGIO D'INVERNO)

    RispondiElimina
  3. x FrammetAria. La foglia, semplicemente, deve cadere è il ciclo della vita che deve continuare. Non ci deve spaventare e nemmeno pensare che possa fermarsi...

    RispondiElimina
  4. Fermarsi no, sospendersi sì...
    :-)

    Splendido scatto!

    RispondiElimina
  5. invidio la tua foglia e la tua bravura...
    ciao Guglielmo

    RispondiElimina
  6. fermare il tempo..mi fermo ad ascoltare il silenzio, andro anche io.

    RispondiElimina
  7. x Arnica ... mi fai arrossire così...
    x Maurizio ne hai di strada da fare... ciao -:)))

    RispondiElimina
  8. Mi racconti la storia di questo scatto bellissimo?

    RispondiElimina
  9. La vecchia è seduta su un piccolo sgabello pieghevole da campeggio. Indossa una pastrana di colore indefinito e sotto si intravedono altri capi di abbigliamento sovrastati da un dolce vita marrone. In testa una berretta di lana di quelle fatte all'uncinetto. Al suo fianco due sacchetti di plastica con dentro le sue cose, alla rinfusa. Sulle ginocchia ha come una tovaglietta o uno scusà (il grembiule che portano le massaie quando fanno da mangiare) e sopra, appoggiate, delle immaginette della Madonna col Bambino. Il grembiule serve per non sporcare la palandrana con le monete che la gente che entra alla Rinascente le butta in grembo: nessuno prende l'immaginetta, è superflua anche quella.
    La vecchia è accartocciata su se stessa ed appesa ad un tenue filo.
    Questa è la storia che mi ha ispirato a posteriori lo scatto della foglia. La fotografia anche quella "inanimata" di paesaggi o cose mi ispira altro...
    P.S. La foglia era sospesa ad una ragnatela invisibile nel bosco della Fagiana nel Parco del Ticino vicino a Magenta.

    RispondiElimina
  10. Un posto molto interessante, probabilmente
    tornero a visitare questo blog, mi ha piaciuto.
    salutti.

    RispondiElimina
  11. x dapazzi vieni quando vuoi, la porta è aperta -:)))

    x Giacynta, grazie ciao

    RispondiElimina
  12. Voglio rimanere appesa anche io, appesa e accartocciata a guardare il mondo.

    RispondiElimina
  13. Oh ma non mi spaventa! mi affascina semmai...l'idea che una foglia caduta non sia la fine, ma un nuovo inizio, questo inizio che si ripete sempre

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.