domenica 23 gennaio 2011

Vita senza la morte

Ascolto per radio l'omelia del parroco del mio paese che annuncia da Giornata della vita del prossimo 5/2. Il simbolo di questa giornata e' l'ennesima
donna morta per aver voluto mettere al mondo un figlio e che per questo gesto viene proposta per la beatificazione...
Ora non giudico nessuno, ma mi chiedo perche' si debba rimanere inchiodati al "partorirai con dolore" meglio con morte.


- Posted using BlogPress from my iPhone

7 commenti:

  1. Gradire poi sapere quanto bene, felice e sereno è cresciuto quel figlio. Ché io a vivere senza mia madre, che è morta poco dopo la mia nascita per una malattia incurabile, non sono venuta su tanto allegra - figuriamoci se fosse addirittura morta per sua scelta pur di dare la vita a me: avrei passato il tempo della mia esistenza ad aspettare di morire per andare su a prenderla a botte di persona, con quello che ho poi vissuto senza una figura femminile cui appoggiarmi nell'infanzia e nell'adolescenza. Questa squallida propaganda si riempie la bocca di grandi principi teorici, ma poi la vita reale delle persone è un'altra - e in quella le lascia comunque sole, e prive di spiegazioni accettabili...

    RispondiElimina
  2. Scusami, davanti a certe notizie la mia natura divina volge al rancore e alla vendetta (tipico di dee prepotenti, lo riconosco).

    RispondiElimina
  3. Mah, dicono si tratti di amore estremo quello di donare la propria vita per un figlio. Io rifletto sul commento amaro di Minerva e comprendo anche la difficoltà delle conseguenze.

    RispondiElimina
  4. ma tutta la nostra morale cattolica è fondata su questo: il sacrificio.
    morire, ed in più sensi direi, in nome di un bene maggiore.
    quale sia questo bene maggiore io ancora non l'ho capito, ma so di essere un po' "gnucca" a questo proposito :-)

    RispondiElimina
  5. perché la morale cattolica inchioda la donna al ruolo di incubatrice sociale, costi quel che costi.

    RispondiElimina
  6. x Minerva.L'assenza di una madre si esprime (purtroppo) in tanti modi anche con il silenzio e l'incomprensione. Ne so qualcosa anch'io...

    x Tutti. Ripeto che non discuto le scelte individuali. Tutte però. Altrimenti non farei che tirare l'acqua al mio mulino come fanno certi preti...

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.