lunedì 14 marzo 2011

Cosimo Cinieri: Il poeta è un fingitore-Fernando Pessoa in Rapsodia

Poesia letta, che emozione sentirla vibrare...



Pensierino. Ue ue ue svegliamoci è lunedì e c'è un sacco di cose da fare -:)

7 commenti:

  1. difatti, ho cose da fare e non riesco a gustarmi la poesia letta, uffa, devo rimandare a domani, aspettami, eh? :) però ti volevo dire: bentornasti!

    RispondiElimina
  2. adesso corro dai miei nani a scuola....iuhuuuuuu

    RispondiElimina
  3. Un naufragar meno dolce, senz'altro con più spruzzi...ma, comunque, un naufragar...

    Molto bello!

    RispondiElimina
  4. "andare verso lontano, verso fuori... non importa dove"
    ah, cos'è ascoltare di poesia e lasciarsi trasportare, entrarci dentro e trovarsi scagliati fuori, movimento dell'anima.
    chiudere gli occhi e sentire le parole dentro, scivolare su accenti ed enfasi, trattenere il respiro e poi volare alto, col fingitore che ci accompagna in terra d'anima.
    ah, cos'è ascoltare di poesia... rivederla nuova ogni volta, rigeneratrice di se stessa e di noi.
    ah, i poeti con le ginocchia piagate.

    RispondiElimina
  5. Sono circondato da donne. Dove sono finiti i maschietti ? Accidenti !
    -:)))

    Frequento per quello che posso teatro, concerti, librerie et similia , ma mi dà l'impressione che gli uomini siano in netta minoranza... Cosa ci è capitato ?

    RispondiElimina
  6. Non sono nascosto tra le nuvole passo in punta di piedi cosi come vento ad abbracciar dono di una felicita vera, eccomi: presente.
    Perdona la mia assenza Guglielmo.
    Un abbraccio sincero
    Maurizio

    RispondiElimina
  7. Meno male che ogni tanto passa Maurizio-:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.