giovedì 9 giugno 2011

Rompere il silenzio

Chi vive una forzata solitudine e non è "portato" a questa condizione, non è preparato a sostenerla o è stato fiaccato da tanto silenzio cerca mille espedienti per sottrarsi a questa che per lui diventa sottile tortura. Spesso sono espedienti maldestri, che nulla hanno a che vedere con una qualsiasi logica o strategia. L'obiettivo è solo rompere, per un istante almeno, il muro del silenzio che l'avvolge e che è divenuto insopportabile.


- Pronto, pronto
- Con chi parli ?
- Non rispondono !
- E' il telefono, hai chiamato qualcuno?
- Ho schiacciato qui e pensavo che rispondesse qualcuno
- Si risponde al telefono quando suona. E' suonato?
- No
- E allora ? Hai fatto un numero ?
- No, ho schiacciato questo tasto...
- Ma se non fai il numero non risponde nessuno...
- Io pensavo che bastasse schiacciare qui per parlare con qualcuno...  


Il silenzio è rotto da alcuni minuti di dialogo...

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.