lunedì 13 giugno 2011

Stagione teatrale 2010/2011

Gli spettacolo visti in questa stagione e un piccolo commento (in corsivo le citazioni dal sito dell'Elfo).



Le mammole di Michel Marc Bouchard (traduzione di Francesca Moccagatta) regia di Lorenzo Fontana con Nicola Bortolotti, Fausto Caroli, Andrea Collavino, Lorenzo Fontana, Giancarlo Judica Cordiglia, Luigi Valentini (Elfo) [Testo durissimo. Non si comprende subito l'ambiente (una prigione) dove si confrontano 5 personaggi. La scoperta del vero assassino libera (non dalla prigione fisica ma da quella mentale) l'ingiustamente condannato.] 

Urge di e con Alessandro Bergonzoni (Elfo) [Semplicemente da vedere. Ci sono tanti spunti e ribaltamenti di logica da capogiro. Forse anche troppi.]
Improvvisamente l'estate scorsa di Tennessee Williams regia di Elio de Capitani (Elfo) [l dramma sarà tutto giocato all'interno della lussureggiante serra della signora Venable (Cristina Crippa), opera vivente di suo figlio Sebastian, morto "improvvisamente, l'estate scorsa". Qui un giovane neurologo (Cristian Giammarini), che sperimenta con successo cure psichiatriche d'avanguardia, riceve dalla ricca signora una generosa offerta per l'ospedale pubblico di New Orleans, ma in cambio dovrebbe impegnarsi a operare sua nipote Catherine (Elena Russo Arman), apparentemente affetta da allucinazioni e crisi isteriche violente. Le cure d'avanguardia, infatti, non sono altro che la famigerata lobotomia. Prima di praticare l'intervento il dottore tenta di scoprire l’origine delle crisi. C’è stato un evento traumatico: Catherine ha assistito alla morte di suo cugino Sebastian, ma non ne riesce a ricordare le circostanze, anche se via via emergono particolari violenti e scabrosi. Cosa si nasconde dietro a questa rimozione? Nessuno della famiglia sembra volerlo scoprire, né la madre (Corinna Agustoni), né il fratello della ragazza (Edoardo Ribatto), né tanto meno la zia, impegnata con ogni mezzo a mantenere immacolata la memoria del figlio].
La discesa di orfeo di Tennessee Williams uno studio di Elio de Capitani con Cristina Crippa, Edoardo Ribatto, Luca Toracca, Elena Russo Arman, Cristian Giammarini, Ida Marinelli, Corinna Agustoni, Sara Borsarelli, Nora Picetti, Elio De Capitani, Cristian Giammarini, Marco Bonadei (Elfo) [Orpheus descending, affascinante inedito per l'Italia di cui Elio De Capitani proporrà uno studio, rimanda all'oggi, alle convulsioni degli anni attuali narrando l'incontro impossibile tra un giovane outsider - con chitarra e una giacca di pelle - e la grettezza di un piccolo paese di provincia che respinge violentemente tutto ciò che è estraneo e diverso. Una sola anima gli verrà incontro: Lady, una donna italiana dal carattere forte, temprato dalle ferite di una vita tormentata. Val, come nel mito di Orfeo, finirà fatto letteralmente a pezzi dai fanatici del paese, guidati dal marito di Lady].


Rosa dalla paura all’America, 
testo e regia Nora Picetti e Riccardo Molino
con Nora Picetti (Elfo) [Storia vera, racconto di una emigrazione in America tanto frequente per molti italiani dalla fine del 800' al fascismo. Il monologo ripercorre una vita di emozioni e aspettative di una ragazza della campagna milanese.]

Chicago boys testo e regia di Renato Sarti con Renato Sarti e Elena Novoselova (Elfo) [Violento pamphlet contro i promotori del liberismo più sfrenato americano che impone tutt'oggi la sua logica in tutto il mondo. Risvolti evidenti con la vicenda italiana della "politica dell'acqua privata" che si vorrebbe imporre.]
Il mare da Anna Maria Ortese regia di Paolo Poli con Paolo Poli (Elfo) [Connubio perfetto di Ortese e Poli. I racconti melanconici della Ortese sposano la graffiante comicità di Poli.]
L'Adalgisa di Carlo Emilio Gadda regia di Lorenzo Loris con Elena Callegari, Mario Sala, Stefania Ugomari di Blas scena Daniela Gardinazzi, costumi Nicoletta Ceccolini (Teatro out-off) [Ripercorrere l'Adalgisa di Gadda è sempre un piacere. Una sottile, erudita ironia quella di Gadda lontana anni luce dalla grassa e volgare chiacchiera dei nostri tempi.]
Le allegre comari di Windsor da William Shakespeare, traduzione e adattamento Valeria Cavalli con Giulia Bacchetta, Fernanda Calati, Pietro De Pascalis, Cristina Liparoto, Marco Oliva, Andrea Robbiano, Elisa Rossetti, Simone Severgnini, Max Zatta (Teatro Leonardo) [Divertente e movimentata ricostruzione del testo shakespeariano.]

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.