mercoledì 14 dicembre 2011

Concerto musicale speranza, Processione d'ammore. (Napoli esiste ? Seconda parte)



Concerto sentito nella Chiesa sconsacrata di San Francesco delle monache (di fianco al Munastero Santa Chiara) il 7/12/2011.

Un momento del concerto di Pino Ciccarelli e la sua banda
Non è sorprendente ascoltare musica a Napoli. Si ascolta ovunque ed in qualsiasi momento della giornata. Sorprendente trovare artisti come Pino Ciccarelli che riescono a mettere insieme una band ed una banda ricavandone un mix perfetto tra tradizione ed innovazione. Non solo: le scuole di banda (e Pino è innanzitutto un didatta) sono una grande realtà a Napoli e rappresentano una alternativa alla deriva di tanti giovani dovuta alla cronica mancanza di lavoro che facilita il diffondersi della camorra. 




6 commenti:

  1. Voglio darti una bella notizia, non solo Napoli esiste, ma non si muore neppure dopo averla vista! Esiste anche il Vesuvio, l'ho visto così come ho visto Pulcinella che andava alla luna...lo so lo so non ci credi ma ho la prova ecco!
    Però hai ragione, Napoli non esiste, non esiste la Napoli che si "conosce", ne esiste un'altra, che ha un odore unico (ovviamente, parlo del profumo di sfogliatella:))), colori e rumori irripetibili.
    (ps. bello il racconto dalla Traversagnetta. quasi quasi mi regalo un tuo libro per natale, quale mi consigli?:)

    RispondiElimina
  2. Cara Frammentaria, mancano ancora delle puntate su Napoli... vedrai...
    Regalarti un mio libro ? Fantastico ! L'unico che ho scritto è Traversagnetta, Storie tra Ticino e Villoresi che trovi su ilmiolibro.it o (forse) ancora da Feltrinelli. L'altro è una fiaba per bambini. Se non vuoi spendere soldi te ne mando una versione in pdf e mi farebbe piacere lo stesso... -:)))

    RispondiElimina
  3. Pensavo di aver sbagliato blog, poi ho pensato "ma che ci fa Guglielmo a Napoli?" e mi sono pure risposta "Boh, forse un viaggio di piacere e intanto si è ascoltato bella musica".

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio, ma i fogli volanti (che pure uso, ma solo per leggere qualche volta i blog, e le ricette, ché non ho mai tempo allora stampo) non fanno per me, comincerei a distribuirli in ogni dove e poi ne perderei fogli e senso logico! comunque, Pincopallina sono sicura mi piacerà (a me, ai miei figli meno, uno ha quasi 18 anni e l'altra 12, e hanno abbandonato le favole per faccialibro, che io invece detesto). Però stasera ho provato a comprare Traversagnetta, sul miolibro, ma mi dà errore nel caricamento del carrello, ci riprovo domani. Feltrinelli invece dice che il libro non è disponibile. gli ho risposto: tze!
    Grazie comunque per l'offerta pdf eh?
    un sorriso!

    RispondiElimina
  5. Cara Luz, molto raramente mi muovo anch'io dalle mie nebbie e seguo in mio viaggio ideale che , come avrai letto su questo blog, segue miei itinerari in parte casuali, in parte legati a suggestioni e ricordi. In tre anni ho visitato: Palermo, Roma, Cagliari, Napoli...
    Le prossime méte saranno probabilmente Lecce, Bologna, Ravenna... ma non è detto che faccia una scappata altrove...

    RispondiElimina
  6. Ti capisco Frammentaria: il libro è sempre il libro -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.