giovedì 22 dicembre 2011

(1200^ post) Ho finito un libro dopo otto anni

Ho finito di leggere oggi un libro che ho iniziato nel 2003, otto anni fa, quando una persona cara me l'ha regalato. Eppure è un testo smilzo, in tutto 51 pagine. "Sarà impegnativo intellettualmente" penserete voi. Per niente, non direi proprio. E' un libro scritto molto piano (nel senso di scrittura scorrevole) e si legge con facilità, senza intoppi. Le note al testo sono pochissime e servono a tradurre le citazioni, in genere, di poesie e quindi non distolgono fastidiosamente dalla lettura. Eppure...
E' vero il libro l'ho abbandonato tante volte: forse mi aveva indispettito questa sua semplicità e la sua filosofia mi era sembrata troppo pragmatica. Eppure ogni tanto lo andavo a ripescare sotto la pila di libri che giacciono sul comodino o sul piccolo tavolino vicino allo scrittoio dove tengo le cose da leggere. Riemergeva e scompariva a fasi alterne come fosse un grande ciclo naturale. E già questo era un fatto straordinario: molti libri, sotto quella pila informe, spariscono e non riemergono più, dimenticati.
La ripresa del libro a distanza di tempo non comportava la perdita del filo del discorso e questo è sicuramente un punto a favore di questo scrittore o meglio si potrebbe pensare che non essendo un romanzo e non avendo una trama, un intreccio da raccontare e portare a conclusione, la ripresa era semplice. Poi naturalmente c'era sempre la possibilità di uscire da qualche incagliamento del testo saltando una pagina, non ditemi che non l'avete mai fatto anche voi. Quindi forse non ho letto neppure tutte le 51 pagine...
Un libro che parla del camminare è già di per sé un libro strano. Che bisogno c'è di parlare del camminare, si deve semplicemente fare e non leggere per trovare una qualche giustificazione a questa attività dell'uomo così naturale e benefica per il fisico e per la mente. Forse questo è uno di quei motivi che mi avevano fatto smettere di leggere il libro, un po' indispettito. Ma si sa gli americani sono fatti così: ti danno il libretto delle istruzioni anche quando compri un martello. Certo posso capirli per il martello: ci sono tanti che utilizzano il martello per scopi assolutamente impropri e, forse, questa precauzione (di fornirle le istruzioni) è necessaria. Ma il camminare che c'entra ? Questa attività è cosa naturale che una volta imparata non si scorda più, al limite nelle estreme età dell'uomo non riuscirai a farlo ancora o più, ma avrai sempre in mente come farlo. Ecco si questo era un buon motivo per mollare quel libro: l'ovvietà è noiosa.
Ma poi perché riprenderlo? Alla fine l'ho capito, ma molto tardi, all'ultima pagina, quando l'ho finito : lo leggevo per la dedica in fondo, scritta a penna, di sole tre parole.   

13 commenti:

  1. Un libro legato al tuo cuore con un filo invisibile di affetto ...
    Romantico Guglielmo. Nonostante tutto. ;-)

    RispondiElimina
  2. x Mat. Non ho capito il "nonostante tutto", ma forse sono particolari... ciao

    RispondiElimina
  3. No, nessun particolare... era riferito al fatto che solitamente sei più pratico e meno sentimentale, almeno io ti leggo così... era un complimento...

    RispondiElimina
  4. (mat, mi sa che guglielmo raramente legge le nostre risposte ai suoi commenti, nei nostri blog, intendo, quindi non sa cosa pensiamo di lui :)

    dicci 3 parole guglielmo...quelle, sì, mi son letto tutto il post in attesa di quelle e tu le ometti?? sapendo che hai (anche) delle lettrici donne (quindi curiose come scimmie)??? già mi hai fatto impazzire con la storia della rosa, che prima era di lorca e poi è diventata di neruda, ORA VOGLIAMO SAPERE LE 3 PAROLE!
    :-)
    (vabbè scherzo, uffa)
    buone feste a te

    RispondiElimina
  5. Ti sbagli Frammentaria... sono curioso anch'io come una scimmia e leggo le vostre risposte qui e sui vostri blog. E' che poi non ribatto più.
    Si Mat, mi piace questa definizione "pratico", mi ci trovo...
    Auguroni di qualsiasi cosa -:)))

    RispondiElimina
  6. x Frammentaria. Le tre parole? Te ne dico qualcuna in più di Lorca o forse è Neruda...
    Sei tu
    che piangi?
    Nell'orto
    dei garofani
    t'incontro.
    Che vuoi?
    Quel ricordo?
    Ahi !

    RispondiElimina
  7. Pure io sono curiosa come una scimmia e dura ( di testa )come un mulo: ma che libro è, si può sapere? :-)

    RispondiElimina
  8. (Aria, eh si, Guglielmo legge eccome... :-)
    ma è suscettibile e sensibile e il mio complimento indiretto al suo romanticismo delicato e gentile, nonostante la pragmaticità caratteriale lo ha punto sul vivo... ;-)) ma la responsabilità è mia, ho sintetizzato troppo il commento e poteva essere interpretato diversamente)

    RispondiElimina
  9. Ho comprato un libro di Thoreau anch'io ma anch'io non ho molta intenzione di sfogliarne le pagine. ( Ci sono libri effettivamente un po' a corto di charme )
    A proposito di camminatori, ti confesso una cosa che non ho mai osato dire : Chatwin su di me non produce alcun effetto. Forse l'ho semplicemente letto nel momento sbagliato, non so, ma mi sembra che sia celebrato senza giusta causa.

    RispondiElimina
  10. x Giacynta. Trattasi di Henry David Thoreau, Camminare, ed. SE x Mat. Ricordati che a Natale si è tutti più buoni... -:)))

    RispondiElimina
  11. Sempre GRANDE Guglielmo ..comunque vada è sempre un successo, Auguri Buon Natale e felice Anno Nuovo 2012
    Maurizio

    RispondiElimina
  12. Otto anni...niente male proprio...
    alla fine,però, ti sei riscattato arrivando alla conclusione :)
    auguri anche da parte mia

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.