lunedì 12 marzo 2012

Elio Pagliarani, La ragazza Carla

7 commenti:

  1. Ti è cascata la lingua, Giacy ???

    RispondiElimina
  2. Ti avrei posto troppo domande ed allora ho optato per un punto interrogativo generico, contando sulla tua disponibilità a spiegarmi cosa ti dice la poesia. :)
    p.s.
    puoi anche non rispondermi. Capisco le ragioni dei criptici, lo sono anch'io e a volte, per questo, mi cade la lingua ( non in questo caso, però ):)

    RispondiElimina
  3. Questa mi sembra la "forma poetica" a cui aspiro. Non che abbia ambizioni da poeta, ma questo è sicuramente un modello. Mi colpisce il modo di raccontare una storia, che è una storia reale , ma nello stesso tempo di trasfigurarla, di cogliere l'essenziale e poi sfuggirci. Molte immagini infatti sono oscure, presentimenti di qualcosa che si intuisce solo e che però non è univoco l'esito, si può pensare altro e con la stessa probabilità di capire. Ci sono cascato ancora... la mia amica poetessa Francesca mi "sgrida" sempre quando dico che io vorrei "capire la poesia" e forse ha ragione...

    RispondiElimina
  4. Francesca ha ragione ed io ho usato un termine sbagliato, "spiegare". Capire è impossibile. In caso contrario, il testo sarebbe ben poco poetico. Lasciare che una poesia ci suggerisca soltanto qualcosa è invece legittimo e ...piacevolissimo.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.