lunedì 2 aprile 2012

Un film ispirato da un quadro. Forse non è originale come idea, ma mi pare molto interessante

Nel 1564 Pieter Bruegel il Vecchio completa la tela intitolata “La salita al Calvario” in cui rappresenta la Passione di Cristo ambientandola nelle Fiandre del suo tempo, oppresse dalla presenza spagnola. Filippo II (salito al trono nel 1556 alla morte di Carlo V) sta conducendo una feroce repressione contro i movimenti religiosi riformistici che suscitano reazioni negli ambienti colti ispirati dal pensiero di Erasmo da Rotterdam. 
Il quadro , ciò che rappresenta e chi vive nel quadro e fuori (compreso Bruegel , sua moglie ed i figli) fanno parte della rappresentazione drammatica.

La locandina

 Gli interpreti del film sono: Rutger Hauer (Bruegel), Michael York, Charlotte Rampling (la Madonna),
Joanna Litwin (la moglie di Bruegel), Oskar Huliczka


Il quadro di Bruegel che ispira il film
Piccola spiegazione. In primo piano la Madonna nel suo dolore. Dietro si sta consumando la passione di suo figlio. Cavalieri spagnoli (con tuniche rosse) scorrazzano incutendo terrore (cercano gli eretici che metteranno a marcire su quelle ruote poste in cima a dei pali come albero macabri di cuccagna). I corvi sono pronti ad eseguire il loro sgradevole compito. Poi ci sono feste, giochi, balli, ma la carcassa di un cavallo in basso a destra, ci ricorda il nostro destino. Sopra a tutto, su una altissima rupe, il mulino macina il tempo. 

2 commenti:

  1. Come rinunciare alla visione dopo questo tuo post? Il film è appena uscito?

    RispondiElimina
  2. il film è uscito nel 2011, ma nelle sale italiane c'è da pochi giorni. Temo si potrà vedere solo in sale specializzate, ma spero di sbagliarmi. -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.