venerdì 27 luglio 2012

Bhopal ? E chi se lo ricorda ?



Pochi ricordano il disastro di Bhopal che è avvenuto nel 1984 nella città indiana di Bhopal a causa della fuoriuscita di 40 tonnellate di isocianato di metile (MIC), dallo stabilimento della Union Carbide India Limited (UCIL), consociata della multinazionale americana Union Carbide specializzata nella produzione di pesticidi. 

Tutti si ricorderanno che alle Olimpiadi di Londra la Union Carbite è uno degli sponsors più munifici.

La nube formatasi in seguito al rilascio di isocianato di metile, iniziato poco dopo la mezzanotte del 3 dicembre 1984, uccise in poco tempo 2.259 persone e avvelenò decine di migliaia di altre. Il governo del Madhya Pradesh ha confermato un totale di 3.787 morti direttamente correlate all'evento, ma stime di agenzie governative arrivano a 15.000 vittime. 

Una relazione governativa del 2006 asserisce che l'incidente ha causato danni rilevabili a 558.125 persone, delle quali circa 3.900 risultano permanentemente invalidate a livello grave.
Ancora nel 2006, nelle zone interessate dalla fuoriuscita del gas il tasso di morbilità è 2,4 volte più elevato che nelle altre adiacenti.

Si ritiene che i prodotti chimici ancora presenti nel complesso abbandonato, in mancanza di misure di bonifica e contenimento, stiano continuando a inquinare l'area circostante.

[Liberamente riassunto da Wikipedia]

Bhopal, 26 lug 2012. Un gruppo di bambini disabili, che
vive nei pressi dell'industria indiana di Bhopal
hanno partecipato oggi a una manifestazione di
protesta chiamata le Olimpiadi di Bhopal
contro la presenza del gigante dell'industria chimica
Dow Chemical tra gli sponsor dei Giochi Olimpici di Londra.



2 commenti:

  1. e chi se la scorda. una storia cosi' beffarda negli elementi. non so se hai presente, una delle mie etichette su Cassandra e' "gli elementi semplici non definiscono il dolore etc etc..." beh, quando ho scritto quella roba avevo in mente proprio Bhopal.

    RispondiElimina
  2. Caro alpexex , finché c'è ricordo c'è speranza...

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.