giovedì 2 agosto 2012

Chi fotografa il fotografo ?


Il fotografo ha un destino: non figurare mai nelle sue fotografie. O meglio ci può capitare dentro per sbaglio o per un calcolato disegno. Per sbaglio, quando la sua ombra "invade" il campo della fotografia (è capitato anche a me su questo blog e sono stato subito "beccato"). Per calcolo, quando si cerca un gioco di specchi che ribalta la prospettiva della foto. Ho visto su alcuni telefoni che la cosa è stata addirittura "formalizzata" e così si può "scattare" sia davanti all'obiettivo che "dietro". Miracoli o perversioni della tecnologia ?
Rimane il fatto che il fotografo che ama l'immagine, è l'unico che non ha immagine è come smaterializzato dietro all'obiettivo.  
Su questa cosa si potrebbe scrivere un racconto o un romanzo e chissà...

8 commenti:

  1. infatti ne ho letto spesso, anche qui su blogspot... cmq, invidia per il fotografo coi poteri del vampiro ;)

    RispondiElimina
  2. Non so se il rapporto l'immagine sia "vampiresca" . Crediamo a quelli che sostenevano che la foto "ruba" l'anima ? Si fotografa per tanti motivi e ciascuno ha il suo. Ma per tutti credo sia come un "rinforzo" della memoria che altrimenti ci farebbe perdere quasi tutto...
    ciao
    a presto

    RispondiElimina
  3. Penso che una foto (non tutte ovviamente) abbia talvolta la capacità di rubare l'anima, nel senso che può conservare lo spirito di un attimo. Non tutti gli attimi sono uguali, ma scorrendo l'uno attaccato all'altro come perle infilate, diventano indistinguibili per l'occhio e per la memoria. Ma una foto può isolare una perla. Non so se questo sia un bene o un male, alcune perle forse si farebbe bene a non guardarle, lasciarle scorrere anonime. Ma chi può giudicare l'opportunità di questa cosa? Di certo non il fotografo.
    Buona giornata

    ps: scusa se mi permetto, ma nel riquadro in alto a sinistra (avviso (quasi) importante) mi sembra manchi un "non" in terza posizione :-)

    RispondiElimina
  4. x 7 . La foto bella fissa un momento e questo è già un miracolo per me.
    Grazie per il "non"...
    ciao
    a presto

    RispondiElimina
  5. bellissima riflessione... ti lascio un saluto che possa raggiungerti là dove ti trovi...

    RispondiElimina
  6. Grazie Onda, fra poco parto -:))) Buone vacanze ammè !

    RispondiElimina
  7. sulla fotografia Barthes scrisse che "tutte le foto sono postume".
    Allora il fotografo assente o presente è il postumo di se stesso?
    marina

    RispondiElimina
  8. x Marina. Mai fotografia fu più "postuma" di questa ! Ciao

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.