venerdì 14 settembre 2012

Filumena Marturano


FILUMENA                     (nauseata) E chesto capisce tu: ‘e denare! E cu’ ‘e denare t’he accattato tutto chello ca he voluto! Pure a me t’accattaste cu’ ‘e denare! Pecché tu ire don Mimi Soriano: ‘e meglie sarte, ‘e meglie cammesare… ‘e cavalle tuoie currevano: tu ‘e ffacive correre… Ma Filumena Marturano ha fatto correre essa a te! E currive senza ca te n’addunave… E ancora he ‘a correre, ancora he ‘a iettà ‘o sango a capi comme se campa e se prucede ‘a galantomo! ‘O miédeco nun sapeva niente. Ce ha creduto pur’isso, e ce avev’ ‘a credere! Qualunque femmena, doppo vinticinc’anne che ha passato vicino a te, se mette in agonia. T’aggio fatto ‘a serva! (A Rosalia e Alfredo) ‘A serva ll’aggio fatta pè vinticinc’anne, e vuie ‘o ssapite. Quanno isso parteva pe’ se spassà: Londra, Parigge, ‘e ccorse, io facevo ‘a carabbiniera: d’ ‘a fabbrica a Furcella, a chella d’ ‘e Virgene e dint’ ‘e magazzine a Tuledo e a Furia, pecché si no ‘e dipendente suoie ll’avarrìeno spugliato vivo! (Imitando un tono ipocrita di Domenico) «Si nun tenesse a te…» «Filume , si’ na femmena.» Ll’aggio purtata ‘a casa nnanze meglio ‘e na mugliera! Ll’aggio lavate ‘e piede! E no mo ca so’ vecchia, ma quann’ero figliola. E maie ca me fosse sentuta vicin’a isso apprezzata, ricunusciuta, maie! Sempe comm’a na cammarera c’ ‘a nu mumento all’ato se pò mettere for’ ‘a porta!

DOMENICO                    E maie ca t’avesse visto sottomessa, che ssaccio? comprensiva, in fondo,  della situazione reale che esisteva tra me e te. Sempe cu’ na faccia storta, strafuttente… ca tu dice: «Ma avesse tuorto io? …Ll’avesse fatto quacche cosa?» Avesse visto maie na lagrima dint’ a chill’uocchie! Maie! Quant’anne simmo state nzieme, nun ll’aggio vista maie ‘e chiagnere!

FILUMENA                     E avev’ ‘a chiagnere pe’ te? Era troppo bello ‘o mobile.

DOMENICO                    Lassa sta ‘o mobile. Un’anima in pena, senza pace, maie. Una donna che  non piange, non mangia, non dorme. T’avesse visto maie ‘e durmi. N’ànema dannata, chesto si’.

FILUMENA                     E quanno me vulive vedé ‘e durmi, tu? ‘A strada d’ ‘a casa t’ ‘a scurdave. ‘E  mmeglie feste, ‘e meglie Natale me ll’aggio passate sola comm’ a na cana.

Saie quanno se chiagne? Quanno se cunosce ‘o bbene e nun se pò avé! Ma Filumena Marturano bene nun ne cunosce… e quanno se cunosce sulo ‘o mmale nun se chiagne. ‘A suddisfazione ‘e chiagnere, Filumena Martu-

rano, nun l’ha pututa maie avé! Comm’ all’ultima femmena m’ he trattato, sempe! (A Rosalia e Alfredo, unici testimoni delle sacrosante verità che dice) E nun parlammo ‘e quann’isso era giovane, che uno puteva dicere: «Tene ‘e sorde, ‘a presenza…» Ma mo, all’urdemo all’urdemo, a cinquantaduie anne, se retira cu’ ‘e fazzulette spuorche ‘e russetto, ca me fanno schifo… (A Rosalia) Addò stanno?

ROSALIA                         Stanno cunservate.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.