mercoledì 6 febbraio 2013

Elio e Lory


Conosco Elio da una vita. Abbiamo fatto le elementari insieme. Lui è diventato un ottimo operaio, anzi per la precisione un ottimo tornitore. Mi dicono (altri che hanno lavorato con lui) che è veloce nel lavoro, preciso, capisce al volo ciò che deve fare, insomma una persona affidabile. Ha un unico difetto: è un burlone e studia minuziosamente gli scherzi che poi applica a ai compagni di lavoro che, immancabilmente, ci cascano. Ma è un peccato veniale. 
Elio è ferocemente razzista, odiava i terroni prima ed ora gli extracomunitari. Per lui questi sono semplicemente "gente che ci ruba il lavoro". Il lavoro lui lo sa fare e spesso è costretto a "insegnarlo" ai nuovi arrivati e lui resiste, scontroso, rissoso, scostante. La sua è una lotta per la sopravvivenza.
Elio è uomo divorato dal desiderio sessuale e da quello della pancia: non può resistere a fare apprezzamenti pesanti quando vede una bella donna, ne fa una questione di "virilità" che deve essere continuamente dimostrata e non può resistere a qualsiasi proposta di "mangiata" e per questo aiuta a insaccare maiali nel tempo libero col solo scopo di ottenere salami che letteralmente divora in quantità spropositate.
Elio ha sposato Lory, una ragazza minuta che fa l'impiegata in un ufficio. Lory è una ragazza delicata e sensibile. Ama la poesia. E scrive di poesia. Ha instillato anche in Elio questa passione dello scrivere in poesia. La loro è una poesia dialettale niente affatto banale, direi profonda anche se mantiene una coloritura popolare e non solo perché usa il vernacolo. Parlano di un mondo contadino che non esiste più, di ricordi, di vecchie storie e personaggi. Forse il mezzo (il dialetto) condiziona i contenuti. Ma il risultato è piacevole, senza fronzoli inutili, essenziale.
Non c'è contraddizione. Questa è l'umanità nelle sue infinite sfumature.

4 commenti:

  1. extracomunitari e terroni attendono impazienti che scendano i marziani sulla terra in modo da poter scalare nella graduatoria degli odiati dal povero (?) elio.

    RispondiElimina
  2. Questa apparente contraddizione ci fa pensare che la realtà è assai più complessa di come ce la rappresentiamo...

    RispondiElimina
  3. Concordo con te, la realtà e complessa ed in una stessa persona possono coesistere cose che sembrano all'opposto. Per questo non bisogna avere della realtà una visione manichea.
    Ciao

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.