sabato 2 febbraio 2013

Rimane (solo) la foto

Non c'è più il fico
non il paiolo appeso
non la legna accuratamente impilata
e , particolare trascurabile,
non ci sono più io.

15 commenti:

  1. Bei versi.
    Non sei più lì, ma da un'altra parte, personaggio di un'altra foto!

    RispondiElimina
  2. dici dietro l'obiettivo? perche' nella foto non ci sei. cmq io la legnaia la fo meglio :P

    RispondiElimina
  3. Grazie Stella.
    Personaggio di un'altra foto, ecco si, Viola, forse lì ci sono...
    Alpexex, una volta scattata la foto diventa una cosa a sé, il fotografo scompare due volte... (sull'impilamento della legna ti lascio volentieri la palma della vittoria...)

    RispondiElimina
  4. le foto di cose che non ci sono più mi fanno sempre un grosso effetto. Come la prima volta che vidi una foto scattata prima della mia nascita.

    RispondiElimina
  5. x Lorenzo. Non so tu come sei messo, ma io ho ormai una quantità di foto che è a dir poco "imbarazzante"...

    RispondiElimina
  6. le cose che cambiano per sempre, quelle che non tornano mi mettono addosso una malinconia struggente. Per questo motivo non ho più avuto il coraggio di ripassare per la casa che ho lasciato per trasferirmi dove sono adesso...La foto è bellissima, fa immaginare la vita che vi si svolgeva...le tue parole, involontariamente malinconiche.
    un saluto domenicale

    RispondiElimina
  7. La malinconia, Arnica, non era affatto involontaria... Ciao e buona domenica anche a te...

    RispondiElimina
  8. Certo Shadow, qualcosa nella foto c'è di me, è inevitabile, ma è qualcosa di assolutamente impalpabile e misterioso...

    RispondiElimina
  9. X Pierluigi. Conosco persone che ragionano così. Hanno problemi col loro passato e si illudono di vivere solo il presente. Il mio passato non lo rinnego e quindi non lo brucio, rimane lì e mi rimane solo un po' di malinconia (prezzo più che proporzionato)...

    RispondiElimina
  10. Conosci persone che ragionano così. Ma non conosci me, il mio passato. E cosa sai di me - delle illusioni, delle delusioni, delle mie strade?
    Non usare, per cortesia, un plurale astratto: tu sei tu, io sono io. Uno di fronte all'altro.

    La frase di puro cinismo serviva solamente a limitare i livelli di glucosio presenti nelle risposte.

    RispondiElimina
  11. Mi riferivo, Pierluigi, ad una persona in particolare che conoscevo molto bene (una mia zia). Niente di personale, come vedi. Per il resto sono d'accordo sul limitare il livello di zuccheri: la glicemia ad una certa età si alza, inevitabilmente. Ma vorrei non essere nemmeno troppo amaro e tanto meno cinico...
    Ciao caro.

    RispondiElimina
  12. Ti ringrazio, Guglielmo. Buona giornata.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.