venerdì 5 aprile 2013

Mi sbilancio: una delle più belle poesie che conosca

Il viandante sul mare di nebbia di Friedrich
Par vardàr

Par vardàr dentro i çieli sereni,
Là sù sconti da nuvoli neri,
Gò lassà le me vali e i me orti,
Par andar su le çime dei monti.

Son rivà su le  çime dei monti,
Gò vardà dentro i çieli sereni,
Vedarò le me vali e i me orti,
Là zó sconti da nuvoli neri?

Giacomo Noventa (1898-1960)

Il mio coscritto Elio Pisoni (di cui ho già scritto su questo blog) scrive...


Paés paés

Paés paés
tré cö un paés
da bocia t'ho lasòo
da végiu sun turnòo
a stòla a mé casina ho cercòo
ma nanca a cò ho pü truòo.
Citò citò scurtés
dòmi indrée ul mé paés
paées curtés.

Il concetto è lo stesso e (azzardo ancora) la poesia regge il confronto...

3 commenti:

  1. L'immagine la conoscevo...la poesia, molto bella, no. Bravo.

    RispondiElimina
  2. Bella davvero e molto comprensibile per noi Veneti. Insomma c'è sempre qualcosa che nasconde qualcos'altro; ovvero c'è sempre un nuovo traguardo da raggiungere una volta che si è arrivati al traguardo.

    RispondiElimina
  3. No Nidia, la tua è un'interpretazione ottimistica della poesia di Noventa. In realtà dice che per scoprire "cieli sereni" si va molto lontano, ma poi, alla fine si finisce sempre per guardare verso dove si è partiti per una specie di nostalgia delle origini...

    Grazie Laura, il dipinto è un classico "romantico" e poi c'è la mia adorata nebbia...

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.