venerdì 24 maggio 2013

Sorriso imprevisto



Si può trovare
una frammentaria divinità
anche in una scatola di sigarette,
in un giro di danza
in un denso bicchiere di malvasia;
e ci si può suicidare
nella gioia di vivere improvvisa
d'un lunapark
nei battiti dei fucilini
ed in ogni gesto del corpo
che muova solamente il corpo
senza moto dell'anima nel corpo -
trascurando con un sorriso imprevisto
il calcolo demente dei problemi
e con elusivo gesto della mano
allontanare la disperazione.
Non per questo si riposerà
la lunga solitudine,
né l'inganno della musica
ci porrà una mano su una spalla
contro l'uragano dell'assenza;
ma si tratta solo di ingannare
di mentire con placida umiltà
di gustare un corpo perituro
educare al nulla
una mano elegante,
abbandonarsi al dolce
amichevole vino -
gustare la joie de vivre,
dimenticare il corpo perituro
la solitudine essenziale,
- incenso di incenso devoto
offrire un fumo di sigarette
alla nostra distratta, frammentaria
divinità.

Pensierino. Ci sono serate piacevoli ed inaspettate in provincia come quella che è capitata l'altro giorno. La figlia Lietta di Giorgio Manganelli è venuta a parlare in biblioteca di suo padre. Inutile dire che l'argomento era del tutto "sproporzionato" per la povera sede di una biblioteca di provincia e per la minuta compagine di uditori che un argomento così "alto" poteva attirare. Eppure Lietta è riuscita a creare un'atmosfera giusta affrontando l'opera del padre da un punto di vista della sua biografia, di una fitta anedottica familiare. Una bella serata con un "sorriso (assolutamente) imprevisto".

7 commenti:

  1. Non sono poi i più belli, quelli imprevisti?
    quelli che prima ancora di comparire sulle labbra attraversano i polmoni, o partono dai piedi che volteggiano a suon di musica, fanno le giravole nello stomaco prima d'atterrare sul viso, quelli che solleticano le papille, son quelli che partono da dentro, dalla pancia, dal corpo,
    son quelli che te lo fanno dimenticare, un istante, "il corpo perituro".
    Grazie Guglielmo, non avevo previsto che avrei sorriso ed invece.. :-D

    RispondiElimina
  2. bellissimo. grazie per aver condiviso, i sorrisi si trasmettono!
    ciao Guglielmo

    RispondiElimina
  3. ok almeno due amiche le ho fatte sorridere...
    ciao

    RispondiElimina
  4. Maurizio :-*

    Gugliemo....ahahahahaha l'ha detto!!!

    (n.d.f.: la faccina :-* è un bacio, devi sempre "ruotarla di 90°, e vedrai i due punti che sono gli occhi, il trattino il naso, e l'asterisco è la bocca che schiocca un bacio)

    RispondiElimina
  5. Di questi tempi, Aria, è meglio che incasso e porto a casa... -:)))
    ciao

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.