martedì 18 giugno 2013

Ma non mi voltai. Ma sento sempre quel mormorio: “Lì troveresti il riposo”.


Presso il pozzo davanti al cancello
c’ è un tiglio,
nella sua ombra sognai
molti dolci sogni.

Nella sua corteccia incisi
molte parole d’ amore;
nella gioia e nel dolore
mi sentii sempre attratto da lui.

Anche oggi ho vagato
davanti a lui fino alla fine della notte
ed anche nell’ oscurità
ho chiuso gli occhi.

E i suoi rami sussurravano,
come se mi stessero chiamando,
“Amico, vieni qui da me –
qui troverai il riposo”.

I venti freddi soffiavano
proprio sul mio volto,
il cappello volò via dalla mia testa,
ma non mi voltai.

Ora sono a molte ore di viaggio
lontano da quel luogo,
ma sento sempre quel mormorio:
“Lì troveresti il riposo”.

 “Der Lindenbaum” di Franz Schubert

1 commento:

  1. Ci sono delle situazioni che non condivido, scelgo la fotografia..e il sorriso. Ciao Guglielmo
    Maurizio

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.