martedì 1 ottobre 2013

Dura di più la musica che la lettura di questa stramba poesia (per fortuna)


Leggerezza

Condannato a rimanere incollato a terra
sopra
vedere il cielo e gli uccelli che svolazzano.
Che pena
perdere la leggerezza.

4 commenti:

  1. per fortuna?
    Ciao Guglielmo
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Che pena perdere la leggerezza... quanto hai ragione, in questi giorni mi è veramente difficile imbattermi in parole che abbia senso ma certe cose sono piccole e perfette, come la tua poesia stanotte.
    Luana

    RispondiElimina
  3. Non è stramba. Mi piace molto. ¯ei riuscito a sollevare un pensiero denso di significato, con leggerezza. marina

    RispondiElimina
  4. Grazie agli amici e "leggeri" mi raccomando !!!

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.