sabato 12 luglio 2014

Ritorno ad Omero

Rileggere l'Odissea... Chissà perché. Galeotta una lettura televisiva accattivante (RAI 5, notte fonda).
Non scelgo la versione "classica" di Ippolito Pindemonte (piena di suggestioni, con un linguaggio lontano), ma quella "moderna" di Aurelio Privitera (edita da Mondadori).

Incipit Capitolo II

Come la figlia del mattin, la bella 
Dalle dita di rose Aurora surse, 
Surse di letto anche il figliuol d'Ulisse, 
I suoi panni vestì, sospese il brando 
Per lo pendaglio all'omero, i leggiadri 
Calzari strinse sotto i molli piedi 
E della stanza uscì rapidamente, 

Simile ad un degli Immortali in volto. 


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.