lunedì 25 maggio 2015

Stroncature: Youth - La giovinezza

Youth - La giovinezza

Un film di Paolo Sorrentino. Con Michael Caine, Harvey Keitel, Rachel Weisz, Paul Dano, Jane Fonda.

Mi aspettavo di più e di meglio da questo film. Ma quando è finito la prima aggettivo che mi è venuto è stato : furbetto.
Eppure l'argomento era intrigante e, come dire, abbastanza contro-corrente: chi parla oggi di vecchi e, soprattutto, chi andrebbe a vedere un film sul "disfacimento" fisico girato unicamente in un albergo-beauty farm sulle alpi svizzere ? Giusto appunto un 65enne attempato in cerca di emozioni (ma nel pubblico c'erano molti "incauti" giovani )...

Michael Caine e Harvey Keitel sono ottimi attori, nulla da dire. Gli altri protagonisti sono aggiunti ad arte a partire da uno sformato Diego Armando Maradona,  una Jane Fonda di cera lacca e poi arriva pure la modella Madalina Diana Ghenea (tanto perfetta da deragliare in fumetto porno) e la soprano sudcoreana Somi Jo (un tocco di oriente per strizzare l'occhio a quel mercato). Come potete capire è un modo calcolato, fin nei più minimi dettagli, per  "aprirsi al mercato" internazionale.
Molto bravo Paul Dano che fa la parte dell'attore californiano venuto a "preparare" il suo nuovo film: davvero fuori posto che il personaggio che sta preparando è niente meno che Adolf Hitler.

Sul giudizio complessivo pesano proprio queste "furberie" in gran parte inutili che alla fine stancano invece di ingraziarsi il pubblico.





6 commenti:

  1. Altra furberia non elencata: il richiamo preciso alla morte di Monicelli.
    Quando il film è terminato la sola parola che mi è venuta in mente è stata "tristezza" per aver sciupato così l'occasione di raccontare la vecchiaia.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Già , anche la storia di Monicelli ... Sorrentino ha persino tirato in ballo "La montagna incantata" di Thomas Mann, per strizzare l'occhio anche alla critica più severa...

    RispondiElimina
  4. io l'ho trovato veramente irritante e scritto male, specialmente nella seconda parte. Un bel mix di luoghi comuni, "sorrentinate" e idee già utilizzate da Wes Anderson, Fellini, e l'utilizzo di attori fuori parte e fuori forma tanto cara a Quentin Tarantino. Senza ispirazione e senza idea negli ultimi 25 minuti. Con dei buchi di sceneggiatura imbarazzanti per un professionista come Paolo Sorrentino. Forzato, svogliato e didascalico. A tratti scolastico. La parte dell'alpinista hipster mi sa di uno che ha abusato con gli psicofarmaci. Bocciato, per me.

    RispondiElimina
  5. Mi è passata la voglia di andarlo a vedere.Commentare da WP a qui è un'impresa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so cosa sia successo, ma nelle impostazioni i commenti sono liberi ed è anche possibile farli anonimi... ciao e grazie per la segnalazione. Guglielmo

      Elimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.