mercoledì 1 febbraio 2017

Quando siamo in esilio

Quando siamo in esilio

Quando siamo in esilio, o abbiamo cambiato casa, o siamo stati sradicati dalla nostra patria, non si modifica solo il tempo interiore, il tempo vissuto, ma anche lo spazio vissuto: il modo di vivere e di sentire lo spazio. Nel paese straniero, ma anche nella nuova casa, il linguaggio delle cose, il linguaggio del paesaggio, si trasformano profondamente. Quelle terre, e quegli orizzonti, che hanno dato un senso ai viaggi e alle vacanze, si fanno estranei ed insignificanti quando abbiano ad essere luoghi di esilio. Spazio e tempo, drasticamente mutati nella loro forma e nelle loro risonanze emozionali, si fanno categorie inquietanti e stranianti: portatrici di solitudine e di silenzio. Il mondo, in cui si è esiliati, o sradicati, è contrassegnato dalla estraneità e dalla inconoscibilità. Non ci riconosciamo più in questo tempo e in questo spazio, in questo silenzio e in questo paesaggio, in questi ghiacciai dell'anima e in questo fiammeggiare dell'angoscia, in queste cifre nascoste e illeggibili di una realtà che è divenuta così estranea; e la perdita della patria, ma anche la perdita della  casa in cui si abitava con la sua storia e le sue memorie, si accompagnano a inquietudini e a smarrimenti che lasciano ferite non sempre rimarginabili.

Eugenio Borgna, Il tempo e la vita, Feltrinelli, 2015, p. 76

Pensierino. Da tempo ho scelto di essere uno "sradicato" e le ferite continuano a sanguinare.



6 commenti:

  1. Sai quanto mi piacciono queste foto che riescono a dare l'impressione di un'atmosfera rarefatta, che può essere qui e in nessun posto...
    o forse sono luoghi dell'anima che non sono contingenti, ma paesaggi dell'anima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi sono i "miei" luoghi dell'anima. Posti molto usuali, per nulla straordinari, perduti nelle campagne della Valle del Ticino. Da un po' non li frequento più così assiduamente come ho fatto per tanti anni, ma ce li ho sempre nel cuore.

      Elimina
  2. Ci si può sentire sradicati davvero da molte cose, non necessariamente o solamente dai luoghi.
    Sempre profondissimo Borgna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero , Sabina, i luoghi però hanno in noi una "risonanza" particolare, almeno quelli che possiamo definire "luoghi dell'anima".

      Elimina
    2. D'accordissimo, e i luoghi dell'anima ricomprendono tutto quel che siamo

      Elimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.