venerdì 6 ottobre 2017

acqua da acque

luminescenze dal profondo

acqua da acque materna corona
...una donna incinta si bagna la pancia nel mare
il feto si scalcia per spezzare l'incantesimo

portandomi per aggiungere mare
alle tue acque materne
ti fu tentazione
l'andare oltre il sole
sprofondare
...tu sola madrina
del tuo essere madre
né compagno né marito ad assisterti da riva


da Tu che mi conosci (poesie alla madre) di Alberto Bevilacqua; Einaudi, 2005


Pensierino. Non penso a mamma come ad un mare. Per me era terra, una terra piana circoscritta da lontane montagne che si vedono cristalline nelle rare giornate di vento o che , molto più spesso, non si vedono affatto, avvolte nelle brume invernali o i vapori estivi della pianura. Orizzonti variabili ma ben delimitati.

1 commento:

  1. Mi è piaciuta molto la " chiusa" di questo pensierino. " Orizzonti variabili ma ben delimitati": dicono tutto il senso di sicurezza e di protezione che una madre può infondere, insieme alla capacità di accoglienza che ( sostenuta da un'intelligenza biologica ed emotiva ) , non viene mai meno.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.