sabato 29 marzo 2008

Giacomo Puccini, Gianni Schicchi (Libretto di Giovacchino Forzano)


GIANNI SCHICCHI ha gabbato i parenti avidi del vecchio Buoso Donati (la scena si svolge a Firenze, Settembre 1, 1299). SCHICCHI, chiamato perché il BUOSO è morto senza lasciare testamento, si finge lui stesso d'essere il moribondo. Viene chiamato un notaio e lui gli detta un testamento per soddisfare le cupidigie dei parenti. Ma nel testamento falso i possedimenti più importanti e ricchi di Firenze SCHICCHI se li assegna con grande disappunto degli eredi e, appena il notaio se n'è andato, scaccia di casa tutti. Questa è ormai la sua casa e dei due innamorati, LAURETTA (sua figlia) e RINUCCIO.


Finale

RINUCCIO

LAURETTA mia, staremo sempre qui... Guarda,
Firenze è d'oro Fiesole è bella!

LAURETTA

Là mi giurasti amore!

RINUCCIO

Ti chiesi un bacio;

LAURETTA

il primo bacio...

RINUCCIO

tremante e bianca volgesti il viso

LAURETTA, RINUCCIO

Firenze da lontano ci parve il Paradiso!

GIANNI SCHICCHI

La masnada fuggì!

…………

Ditemi voi, signori, se i quattrini di Buoso potevan finir
meglio di così? Per questa bizzarria m'han cacciato
all'inferno... e così sia; ma con licenza del gran padre
Dante, se stasera vì siete divertiti, concedetemi voi...
l'attenuante!

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.