mercoledì 5 ottobre 2022

Epitaffio per un cane

In questo luogo

giacciono i resti di una creatura

che possedette la bellezza

ma non la vanità

la forza ma non l’arroganza

il coraggio ma non la ferocia

E tutte le virtù dell’uomo

senza i suoi vizi.


Quest’elogio, che non sarebbe che vuota lusinga

sulle ceneri di un uomo,

è un omaggio affatto doveroso alla Memoria di

“Boatswain”, un cane che nacque in Terranova

nel maggio del 1803

e morì a Newstead Abbey

il 18 novembre 1808


Quando un fiero figlio dell’uomo

al seno della terra fa ritorno,

sconosciuto alla gloria, ma sorretto

da nobili natali,

lo scultore si prodiga a mostrare

il simulacro vuoto del dolore,

e urne istoriate ci rammentano

l’uomo che giace lì sepolto;

e quando ogni cosa si è compiuta

sul sepolcro noi potremo leggere

non chi fu quell’uomo,

ma chi doveva essere.


Ma il misero cane, l’amico più caro in vita,

che per primo saluta e

e che difende ultimo,

il cui bel cuore appartiene al suo padrone,

che lotta, respira,

vive e fatica per lui solo,

cade senza onori;

e solo col silenzio

è premiato il suo valore;

e l’anima che fu sua su questa terra

gli vien negata in cielo;

mentre l’uomo, insetto vano! ,

spera il perdono, e per sé solo

pretende un paradiso intero.


O uomo! Flebile inquilino della terra per un’ora,

abietto in servitù, corrotto dal potere,

ti fugge con disgusto chi ti conosce bene,

o vile massa di polvere animata!

L’amore in te è lussuria, l’amicizia truffa,

la parola inganno, il sorriso menzogna!

Vile per natura, nobile sol di nome,

ogni animale ti mette alla vergogna.

O tu, che per caso guardi quest’umile sepolcro,

passa e va’: non è in onore

di creatura degna del tuo pianto.

Esso fu innalzato per segnare

il luogo ove tutto quel che di un amico resta

riposa in pace;

un sol ne conobbi: e qui si giace.


Lord Byron, Newstead Abbey, 30 novembre 1808


Il cane di Byron giace a Newstead Abbey, in Inghilterra. La sua tomba è indicata da una lapide, su di essa è inciso l’epitaffio.




PS Spero valga anche per i gatti...


sabato 2 luglio 2022

Conosco le barche

 CONOSCO DELLE BARCHE — Jacques Brel


 Conosco delle barche che restano nel porto per paura

che le correnti le trascinino via con troppa violenza.

Conosco delle barche che arrugginiscono in porto

per non aver mai rischiato una vela fuori.

Conosco delle barche che si dimenticano di partire

hanno paura del mare a furia di invecchiare

e le onde non le hanno mai portate altrove,

il loro viaggio è finito ancora prima di iniziare.

Conosco delle barche talmente incatenate

che hanno disimparato come liberarsi.

Conosco delle barche che restano ad ondeggiare

per essere veramente sicure di non capovolgersi.

Conosco delle barche che vanno in gruppo

ad affrontare il vento forte al di là della paura.

Conosco delle barche che si graffiano un po’

sulle rotte dell’oceano ove le porta il loro gioco.

Conosco delle barche

che non hanno mai smesso di uscire una volta ancora,

ogni giorno della loro vita

e che non hanno paura a volte di lanciarsi

fianco a fianco in avanti a rischio di affondare.

Conosco delle barche

che tornano in porto lacerate dappertutto,

ma più coraggiose e più forti.

Conosco delle barche straboccanti di sole

perché hanno condiviso anni meravigliosi.

Conosco delle barche

che tornano sempre quando hanno navigato.

Fino al loro ultimo giorno,

e sono pronte a spiegare le loro ali di giganti

perché hanno un cuore a misura di oceano.




domenica 10 ottobre 2021

Violenza sulle donne. Ma gli uomini si credono ancora dei?

Giove si innamora di Europa e per conquistare la fanciulla si trasforma in un magnifico toto bianco. La fanciulla rapita dalla bellezza dell'animale sale sulla sua groppa e lui la porta a Creta. Zeus rivela quindi la sua vera identità e tenta di usarle violenza, ma lei resistette. Il dio si trasforma in aquila e riesce a sopraffarla in un bosco. 



Zeus si innamora della giovane fanciulla Leda e per avvicinarsi a lei si trasforma in cigno mentre lei dorme. Al suo risveglio si rivela e dice a Leda che avrà due gemelli Castore e Polluce.

Affreschi del Castello di Masino, Visita del 09/10/2021. 

Pensierino. Nel mito se una ragazza veniva "puntata" da un dio, non aveva scampo. Oggi certi uomini si credono ancora dei !? 

mercoledì 15 settembre 2021

Lunatica

Della serie "lunatica". [69] Quattro destrier via più che fiamma rossi al giogo il santo evangelista aggiunse; e poi che con Astolfo rassettossi, e prese il freno, inverso il ciel li punse. (Orlando Furioso).
Pensierino. Sprona pure i tuoi rossi cavalli, ma non sperare di trovare il senno di Orlando sulla luna.

domenica 29 agosto 2021

L'infinita vanità del tutto

GIACOMO LEOPARDI A SE STESSO Or poserai per sempre, stanco mio cor. Perì l'inganno estremo, ch'eterno io mi credei. Perì. Ben sento, in noi di cari inganni, non che la speme, il desiderio è spento. Posa per sempre. Assai palpitasti. Non val cosa nessuna i moti tuoi, né di sospiri è degna la terra. Amaro e noia la vita, altro mai nulla; e fango il mondo. T'acqueta omai. Dispera l'ultima volta. Al gener nostro il fato non donò che il morire. Omai disprezza te, la natura, il brutto poter che, ascoso, a comun danno impera, e l'infinita vanità del tutto. (dai "Canti")

mercoledì 4 agosto 2021

Forse sarei più sola

 Forse sarei più sola senza la mia solitudine. Emily Dickinson


Pensierino. Eugenio Borgna, psichiatra di Novara, dice in una intervista di essersi ispirato a questo verso della poetessa statunitense per la scrittura del suo libro "La solitudine dell'anima". Mi ha sempre fatto una positiva impressione che uno psichiatra, primario in un grande manicomio specializzato nella cura della malattia mentale in particolare delle donne, avesse una grande cultura letteraria e filosofica. Il suo metodo di cura della malattia psichiatrica è sempre stato incentrato sul dialogo e l'ascolto. L'unico farmaco che ha usato è stato l'empatia tra il medico e il paziente.

venerdì 9 luglio 2021

Letture per l'estate

 Letture per l'estate. "Il segreto" di Nadia Terranova e Mara Cerri. Una fiaba per piccoli e grandi.



Incipit (e si entra già subito nell'atmosfera del libro).

Il barattolo dei baci rotti stava sulla mensola di legno gialla, all'ingresso, con su scritto: SVUOTACUORI.

Nonna l'aveva messo lì per me: "Adele, ti fa male portare in casa i baci che si sono rotti fuori. Chiudili nel barattolo, gira forte il tappo e poi vai in giardino a fare quello che vuoi".

P.S. Per mantenere saldi i piedi a terra, rileggo anche "L'affaire Moro" di Leonardo Sciascia, Instant book incentrato sulle lettere inviate da Aldo Moro durante il sequestro e sulla mancata trattativa tra Brigate Rosse e Stato. 


 

Deposizione

  Paruzzaro (No) Chiesa di San Marcello al Cimitero. Deposizione XV secolo