domenica 8 agosto 2010

Labirinto di Wislawa Szymborska


LABIRINTO


– e ora qualche passo
da parete a parete,
su per questi gradini
o giù per quelli,
e poi un po' a sinistra,
se non a destra,
dal muro in fondo al muro
fino alla settima soglia,
da ovunque, verso ovunque
fino al crocevia,
dove convergono,
per poi disperdersi
le tue speranze, errori, dolori,
sforzi, propositi e nuove speranze.
Una via dopo l'altra,
ma senza ritorno.
Accessibile soltanto
ciò che sta davanti a te,
e laggiù, a mo' di conforto,
curva dopo curva,
e stupore su stupore,
e veduta su veduta.
Puoi decidere
dove essere o non essere,
saltare, svoltare
pur di non farsi sfuggire.
Quindi di qui o di qua,
magari per di lì,
per istinto, intuizione,
per ragione, di sbieco,
alla cieca,
per scorciatoie intricate.
Attraverso infilate di file
di corridoi, di portoni,
in fretta, perché nel tempo
hai poco tempo,
da luogo a luogo
fino a molti ancora aperti,
dove c'è buio e incertezza
ma insieme chiarore, incanto
dove c'è gioia, benché il dolore
sia pressoché lì accanto
e altrove, qua e là,
in un altro luogo e ovunque
felicità nell'infelicità
come parentesi dentro parentesi,
e così sia
e d'improvviso un dirupo,
un dirupo, ma un ponticello,
un ponticello, ma traballante,
traballante, ma solo quello,
perché un altro non c'è.
Deve pur esserci un'uscita,
è più che certo.
Ma non tu la cerchi,
è lei che ti cerca,
è lei fin dall’inizio
che ti insegue,
e il labirinto
altro non è
se non la tua,
finché è possibile,
la tua, finché è tua,
fuga, fuga –



Wislawa Szymborska

Pensierino. Fuggire in un labirinto, anzi il labirinto è la tua fuga. Sei proprio sfigato: non poteva esserci, semplicemente, un maniglione rosso a spinta?

2 commenti:

  1. mi piace perdermi nel labirinto dei tuoi post...

    Labirinto
    di Jorge Luis Borges

    Non ci sarà sortita. Tu sei dentro
    e la fortezza è pari all’universo
    dove non è diritto né rovescio
    né muro esterno né segreto centro.
    Non sperare che l’aspro tuo cammino
    che ciecamente si biforca in due,
    che ciecamente si biforca in due,
    abbia fine. È di ferro il tuo destino,
    così il giudice. Non attender l’urto
    del toro umano la cui strana forma
    plurima colma d’orrore il groviglio
    dell’infinita pietra che s’intreccia.
    Non esiste. Non aspettarti nulla.
    Neanche nel nero annottare

    RispondiElimina
  2. "Non aspettarti nulla.
    Neanche nel nero annottare."

    Lo spero proprio -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.