lunedì 8 settembre 2014

Non ti lusinghi la crudeltade

Cecilia Bartoli: Tito Manlio - Non ti lusinghi la crudeltade (Vivaldi)

Non ti lusinghi la crudeltade
Contro d’un core, che devi amar. 
E per la figlia mostra pietade
Se questo petto vuoi consolar. 

Pensierino. A stento si capisce il testo che la cantante interpreta, anche se l'espressione del volto aiuta. Conta per molti cantanti di più il "bel canto" del significato di quello che dicono. Non è difficile trovare similitudini nel linguaggio della politica arrembante a cui ci stiamo abituando in Italia.



2 commenti:

  1. Il particolare fa SEMPRE la differenza.
    un abbraccio

    Maurizio

    RispondiElimina
  2. all'inizio avevo letto "politica aberrante"...

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.