martedì 17 aprile 2012

Ciò che si pensa di essere e cosa si è

Ti credevi libero
ora sei prigioniero

9 commenti:

  1. pensa che io mi credevo aria, e ora sono polvere... ma credo che questo l'abbia già detto qualcuno vero? com'era? no, non lo voglio sapere! era quella roba lì, cenere e polvere siamo...ecco, per ora sono plvere, per la cenere c'è ancora tempo :)

    [a sproposito, lo sai che questo template tecnologico non è supportato dai cellulari? :( ]

    RispondiElimina
  2. :( questo segno strano è una faccina triste eh?

    RispondiElimina
  3. mi credevo forte e autosufficiente, invece mi accorgo di avere molto bisogno degli altri... alcuni in particolare...

    RispondiElimina
  4. Vedi Frammentaria a tutto avevo pensato tranne che la polvere... eppure tu avresti dovuto riconoscere l'aria soffice che riempie questi soffioni. Anche loro, certo s'impigniano, prima o poi in tenacissimi fili d'erba -:))) (io lo faccio così il sorriso, già qualcuno mi ha detto che è sbagliato , ma ormai è automatico così...

    RispondiElimina
  5. Si Onda , ma non è un guaio... L'autosufficienza è una pretesa ! -:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai proprio ragione, infatti l'altro mio guaio è proprio che pretendo troppo da me!!

      Elimina
  6. Ho controllato Aria se il "template" che immagino sia il modello del blog sia visualizzabile su telefonino. Nell'apposito menu lo visualizza regolarmente, non ho potuto fare prove con telefonini tipo iphone o quelli con android e nemmeno con ipad o simili, però a livello di impostazioni e "anteprime" mi visualizza tutto bene...
    Grazie per la segnalazione, comunque -:)))

    RispondiElimina
  7. mi sembra che l'immagine ( bellissima come il commento a margine) sia il contrario de "l'elefante in un negozio di cristallerie ":)

    RispondiElimina
  8. Non ho visto elefanti tra i fili d'erba , ma altri mostruosi animaletti -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.