sabato 25 agosto 2012

Musica per mamma e i vecchi sono furbi


Come non si potrebbe trovare consolazione di fronte a tanta bellezza?

Pensierino. I vecchi sono furbi. O almeno quelli che rimangono lucidi e non sono pochi. Probabilmente non sarebbero diventati vecchi se non fossero stati furbi.
La vecchiaia, si sa, è associata alla rinuncia e di tutte le rinunce, per alcuni, la più fastidiosa, è quella del cibo. Gli acciacchi aumentano e una volta è il diabete , un'altra il colesterolo o la gotta, insomma alla fine tutto si risolve con qualche pillola e una dieta che dovrebbe essere,immancabilmente, ferrea. Ora, chi convive con un vecchietto, faccio una ipotesi assai realistica, si trova a dover gestire queste cose e , vi assicuro, è come fare i carcerieri. L'unico vantaggio è che la mobilità di questi vecchi è limitata e quindi non li potremo vedere scalare gli armadietti della cucina alla ricerca della marmellata. Ma a loro, a questo punto, si affina di molto l'intelligenza e sanno escogitare mille espedienti per raggiungere il loro scopo.
Da qualche tempo una di queste vecchiette è inappetente a tavola: nulla le va a genio e avendo esperienza di cucina può, a ragion veduta, sostenere che "questo è duro, questo è sciapo, questo è piccante", o semplicemente "questo non mi piace". Ma l'inappetenza svanisce quando si parla di dolci, faccio un esempio a caso. La dieta della vecchina, ferrea dicevamo, non permetterebbe simili trasgressioni o almeno le permetterebbe a scadenza annuale (chi la potrebbe fermare di fronte alla sua torta preferita ricca di ogni tipo di crema al suo compleanno ?).
Allora il divieto è scansato con la furbizia ed approfittando del mondo che circonda la vecchina. C'è la badante che la vuol "tener buona", ci sono le figlie con i sensi di colpa perché vengono a trovare poco la mamma, c'è l'untuosa amicizia di altre vecchine (un po' meno vecchine, diciamo). Così inizia il balletto o, meglio, la commedia.
- Non ho mangiato niente, oggi - afferma la vecchina furba
- Vuole un biscotto gelato - si affretta a chiedere la badante premurosa che poi si allontana in altre faccende affacendata
- Ho un po' fame oggi - ripete la vecchina una mezz'ora dopo
- Guardo se c'è qualche biscotto o se è avanzata un po' di torta - risponde la figlia che dopo poco si dilegua
- Oggi mi hanno fatto delle cose che proprio non mi piacevano - sostiene senza un attimo di imbarazzo la vecchina
- Oh , povra dona, te or un ciuculatèn - si affretta a chiedere l'amica in visita

I vecchi sono furbissimi, non fatevi ingannare dalle apparenze ! 
  

2 commenti:

  1. Anche non avendo sensi di colpa da tenere a bada, impossibile non riconoscere e ripagare tanta maestria! :))


    RispondiElimina
  2. La "solidarietà" alimentare è senza frontiere, Gia -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.