martedì 10 settembre 2013

La buona sorte (forse)

allora non chiamarmi più
oppure chiamami con quella tua seconda voce
che era il silenzio di quando
lasciavi il telefono muto

Alberto Bevilacqua, Tu che mi ascolti (Poesie alla madre), Einaudi, 2005 

Pensierino. Il silenzio come "seconda voce". Perfetto !

2 commenti:

  1. Bevilacqua è poco conosciuto come poeta, ma mi pare che siano le sue cose migliori....

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.