martedì 15 ottobre 2013

Dormire dove il fiume scorre


Ho pensato ad alcune amiche leggendo questa poesia, quasi tutte trovate con questo blog, ma è dedicata anche a persone care che rimangono nel mio cuore a volte un po' distratto.

Entre o sono e o sonho, 
Entre mim e o que em mim 
E o quem eu me suponho, 
Corre um rio sem fim.

Passou por outras margens, 
Diversas mais além, 
Naquelas várias viagens 
Que todo o rio tem.

Chegou onde hoje habito 
A casa que hoje sou. ›
Passa, se eu me medito;
Se desperto, passou.

E quem me sinto e morre 
No que me liga a mim 
Dorme onde o rio corre _
Esse rio sem fim.


...traduzione di Luigi Panarese (con minima variante)


Tra il sonno e il sogno,
tra me e colui che in me
è colui che mi suppongo,
scorre un fiume interminato (senza fine).

È passato per altre rive,
sempre nuove piú in là,
nei diversi itinerari
che ogni fiume percorre.

È giunto dove oggi abito
la casa che oggi sono.
Passa, se io mi medito;
se mi desto, è passato.

E colui che mi sento e muore
in quel che mi lega a me
dorme dove il fiume scorre:
questo fiume interminato (senza fine).

n.b. Mi sono permesso di fare una piccola variante alla traduzione dell'edizione Passigli delle poesie di Fernando Pessoa. Prendetela come una licenza poetica senza licenza...



3 commenti:

  1. Ciò che una foto può esprimere vale più di 1000 parole.
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Ho letto parecchi tuoi scritti Guglielmo , passando per il tuo blog e trovo il commento di UIFPWO8 molto corretto e lo condivido.
    La poesia è bellissima , nulla da eccepire , ci mancherebbe..
    Se mi permetti mi iscrivo al tuo blog.
    Sarei felice ricambiassi http://rockmusicspace.blogspot.it/
    Grazie!
    Una serena serata!:)

    RispondiElimina
  3. Grazie infinite Guglielmo per il ricambio di iscrizione..molto gentile , amico mio...
    Ora salvo il tuo blog...
    Una serena giornata per te!:::)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.