sabato 10 luglio 2010

Banderuola

Banderuola di Garcia Lorca

Vento del sud,
bruno, ardente,
scendi sulla mia carne
e porti semi
di sguardi
brillanti col profumo
d’aranceti.

Fai arrossire la luna
e singhiozzare
i pioppi prigionieri, ma vieni
troppo tardi!
Ho già deposto la notte del mio romanzo
nello scaffale.

Senza vento,
credimi,
gira, cuore;
gira, cuore.

Vento del nord,
orso bianco del vento!
Scendi sulla mia carne
tremante d’aurore
boreali
col tuo strascico di spettri
capitani
e ridendo
di Dante.
O pulitore di stelle!
Ma vieni
troppo tardi.
La casa dell’anima è coperta di muschio
e ho perso la chiave.

Senza vento,
credimi,
gira, cuore;
gira, cuore.

Brezze, gnomi e venti
di nessun luogo.
Zanzare della rosa
di petali a piramide.
Alisei svezzati
fra gli alberi rudi,
flauti nella burrasca
lasciatemi!
Il mio ricordo
trascina pesanti catene
e l’incubo è prigioniero
quando disegna di trilli
la sera.

Le cose che se ne vanno non tornano più,
tutti lo sanno,
e fra l’illustre moltitudine dei venti
è inutile lamentarsi.
Non è vero, pioppo, maestro di brezza?
E’ inutile lamentarsi.

Senza vento,
credimi, gira, cuore;
gira, cuore.

Fuente Vaqueros (Granada), luglio 1920.




Pensierino. "Il mio ricordo trascina pesanti catene", ma senza vento (deve) girare il cuore. Proverò ancora una volta a crederci?

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.