sabato 24 marzo 2012

Arrivare tardi alla Primavera

Sono nata il ventuno a primavera

ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

Alda Merini 



Cotrocanto

Sono nato a primavera già inoltrata
pensavo che mi fosse stata risparmiata la pazzia
ma arrivò tardi, in sordina
e mi condusse lontano nel mondo arido della solitudine.


4 commenti:

  1. Io sono nato d'inverno
    e nel mio cuore nevica sempre
    anche se c'è il sole.

    RispondiElimina
  2. Che incanto avere un cuore dove nevica sempre !!!

    RispondiElimina
  3. meteogiacy:
    zefiro spira leggero:))

    p.s.
    quindi siamo in zona compleanno... Oggi?

    RispondiElimina
  4. Calma Giacy, non ho premura di arrivare al 13 aprile...

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.