domenica 22 gennaio 2012

Castello Bentivoglio

Una riunione per la preparazione della 2^ Conferenza nazionale sull'amianto, mi porta al Castello Bentivoglio vicino a Bologna. La partenza, all'alba, sembra far sperare in una rigida ma limpida giornata d'inverno. Un'illusione: arrivati a Modena, la foschia si infittisce e all'arrivo c'è più nebbia e fa molto più freddo (- 4 ° C) che alla partenza. Il Castello di Bentivoglio è a pochi chilometri da Bologna, in campagna, ed è la sede dell'Istituto Ramazzini, che si occupa di ricerca contro il cancro.   
L'Istituto Ramazzini è una cooperativa sociale (Onlus) impegnata, da oltre vent'anni, a combattere il cancro. Le sue attività sono incentrate in tre aree di intervento:
1) ricerca scientifica;
2) diagnosi precoce;
3) informazione scientifica.
Le attività di ricerca sono finalizzate soprattutto alla identificazione e quantificazione, su base sperimentale, dei rischi cancerogeni, oltre che alla valutazione di efficacia e tollerabilità di farmaci e principi attivi, utilizzabili per contrastare l’insorgenza e/o la progressione dei tumori.
L'Istituto Ramazzini si avvale della collaborazione del Collegium Ramazzini, un’accademia internazionale di oltre 180 membri di 32 paesi, esperti nel settore delle malattie professionali e della medicina ambientale.
La missione del Collegium Ramazzini è di far progredire gli studi di medicina professionale ed ambientale e di costituire un ponte tra il mondo della scienza ed i centri sociali/politici che devono agire sulla base delle scoperte scientifiche ai fini di meglio tutelare la salute pubblica.

Il Castello di Bentivoglio ha subito un pesante rifacimento e ricostruzione nell''800 , ma vanta una storia illustre. Oggi l'adattamento a sede dell'istituto, dei suoi laboratori e uffici, non è certo il massimo della funzionalità, ma è un po' la caratteristica di molti nostri "recuperi" ad uso pubblico di spazi storici.
Ecco alcune foto (brutte scattate col telefonino antidiluviano che ho)


Ciclo degli affreschi del pane

La sala di ricevimento con 5 camini

7 commenti:

  1. Dai Guglielmo vanno bene lo stesso, non saranno la fine del mondo ma rendono bene l'idea della bellezza dei luoghi. Dolce serata
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. L'amianto e la Valle del Belice. Se ne parla poco ma è un problema molto serio. Le baracche del dopo terremoto avevano le coperture in amianto e quando (solo qualche anno fa) è iniziata la ricostruzione delle case le baracche sono state distrutte disperdendo l'amianto un po' ovunque. E qui si muore di cancro. Giovani, giovanissimi. Una strage. Una popolazione decimata. Parenti, amici, persone care andate vie precocemente. E tutti per la stesso motivo. Ma nessuno ne parla. Solo un servizio di Striscia la Notizia un po' di tempo fa. E poi il silenzio. Nessuna bonifica del territorio, nulla. E qui si continua a morire...

    RispondiElimina
  3. La rabbia ha avuto il sopravvento!
    Le tue foto rendono perfettamente l'idea della bellezza del Castello di Bentivoglio, uno dei tanti luoghi sconosciuti e incantevoli della nostra Italia. Grazie Guglielmo :))

    RispondiElimina
  4. C'erano anche Siciliani a questa riunione, di Gela e anche lì non mancano i problemi e poi di Taranto e della Basilicata. Il sud è stato colonizzato con produzioni pestilenziali o coperto di rifiuti tossici (come la provincia di Napoli) inviati "gentilmente" dalle industrie del nord (veneto, Lombardia e Piemonte) che preferivano i prezzi stracciati delle imprese controllate dalla mafia a quelli più alti di chi smaltiva correttamente. E' il dramma ambientale italiano...

    RispondiElimina
  5. E' un problema gravissimo e se ne parla ancora troppo poco. Roberto Saviano ha fatto conoscere al mondo intero la realtà della provincia di Napoli, ma nel sud ci sono troppe cose di cui ancora non si sa completamente nulla. Realtà sommerse

    RispondiElimina
  6. Buongiorno, vi ripropongo le foto del castello su www.bentivoglioedintorni.it

    Vitto

    RispondiElimina
  7. Grazie Vitto per le foto che sono senz'altro migliori delle mie scattate con un miserabile telefonino... -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.