lunedì 21 marzo 2011

Dedicato a chi vorrebbe che Berlusconi diventasse più berlusconiano

Ho sentito Giuliano Ferrara nello spazio che Berlusconi, con la sua "attenzione" agli aspetti simbolici, gli ha dato per spregio a Enzo Biagi nello spazio prima del TG1. Questo solo fatto non deponeva a nulla di buono.
Ma vengo al merito.
Il Ferrara ce l'aveva su, il 17/3, con le "minoranze etiche" sempre accigliate e pronte a fare la paternale, figlie, a suo dire, della "cultura azionista" che, evidentemente, è sopravvissuta misteriosamente fino ai giorni nostri.
Ora quello che mi fa più paura è il "revisionismo" delle parole, il ribaltamento dei significati, il far passare per vero il falso e viceversa. E in questo Ferrara non è secondo nemmeno al suo Padrone. Si sa poi che i cortigiani sono i più zelanti assertori delle idee del sovrano. Ferrara si è spinto più il là:  ha invitato lo stesso Berlusconi a tornare allo "spirito delle origini" di Forza Italia, cioè tornare berlusconiano...

Dunque l'etica sarebbe da fuggire come la peste e sarebbe il vero cancro della politica. Ma cosa è l'etica? Una definizione dell'etica: "quella branca della filosofia che studia i fondamenti oggettivi e razionali che permettono di assegnare ai comportamenti umani uno status deontico ovvero distinguerli in buoni, giusti, o moralmente leciti, rispetto ai comportamenti ritenuti cattivi o moralmente inappropriati".
Cos'è il contrario di un comportamento etico ? E' un comportamento amorale.
Questo sminuire l'etica nella politica dove va a parare nel Ferrara pensiero? Semplicemente all'uso spregiudicato della politica, svincolata da ogni regola morale, nella quale ogni posizione è identica all'altra perché non c'è una scala di valori. Si valuta solo per la sua "utilità". E' lo stesso giochetto che hanno messo in piedi per il revisionismo storico sul fascismo pretendendo che chi stava dalla parte della Repubblica di Salò e chi sulle montagne dell'Ossola avevano identica e corrispondente dignità. Nessuno poteva dire all'altro che "sbagliava" e che "stava dalla parte sbagliata" perché non c'era nessuna parte "giusta".

2 commenti:

  1. sei riuscito a sentir delirare Ferrara??? Guglielmo, ti stimo!

    RispondiElimina
  2. x Frammentaria. Mi stimi per la "resistenza" che ho avuto, immagino. Però devo dire che ho preferito sentirlo "in differita" perché in diretta non lo sopporto -:)

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.