mercoledì 18 febbraio 2009

Eduardo de Filippo, Fantasia - Pignammoce sta vita cumme vene

Fantasia
Pigliammoce sta vita cumme vene,
llassammo for’ ‘ a porta ‘a pucundria,
mparammece a campà c’ ‘a fantasia:
nca sta cosa cchiù bella pè campà?

A fantasia se sceta ogne matina,
comme si fosse prencepe rignante,
affonna ‘e mane aperte int’ ‘e brillante
e nun s’’e ppiglia: che s’’e ppiglia a ffà?

E che curredo tene! Nu mantiello
ca luce cchiù d’’o sole e nun è d’oro;
quanno se mene ncuollo stu tesoro,
abbaglia ‘a vista: nun se può guardà.

Po’ tene nu relogio cumpiacente,
cu sissanta minute d’allegria,
mmiez’ ‘o quarante liegge: FANTASIA
e fa tà-tì,tà-tì,nun fa tì-tà…

1956

Prendiamoci questa vita come viene,
lasciamo fuori la porta il cattivo umore,
impariamo a campare con la fantasia:
ci sta una cosa più bella per campare?

La fantasia si sveglia ogni mattino,
come fosse principe regnante,
affonda a mani aperte nei brillanti
e non li prende: che li prende a fare?

E che corredo ha! Un mantello
Che luccica più del sole e non è d’oro;
quando si mette addosso questo tesoro,
abbaglia la vista:non si può guardare

Poi ha un orologio compiacente,
con sessanta minuti d’allegria,
nel mezzo del quadrante leggi: Fantasia
e fa tà-tì,tà-tì non fa tì-tà…

Pensierino. Che bello un orologio che fa tà-tì e non fa tì-tà. Non ho l'ossessione del tempo che passa (ne ho altre di ossessioni, ben più laceranti ! ) . Non so se sia una fortuna. Forse è una maledizione. Penso, evidentemente, di controllare il tempo, di averlo dalla mia parte. E' una illusione. Il tempo non sta dalla parte di nessun essere umano, macina tutto.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.