sabato 7 febbraio 2009

Dove siamo finiti?


(Papa Innocenzo III e San Francesco)

Il Vaticano esulta mentre le istituzioni della Repubblica sono fatte a pezzi. Quando introdurremo la teocrazia come forma di governo?
Sembra proprio che gli integralismi abbiano il sopravvento ovunque e che diventino tremendo strumento di governo oltre che spadroneggiare sulle coscienze. Rendono le società, gli uomini e le donne meno liberi.

Chi se ne fotte se la crisi sta mettendo sul lastrico milioni di persone.
Chi se ne fotte se l'ostentazione della ricchezza e l'occultamente della miseria è diventata l'ideologia dominante.
Chi se ne fotte se in razzismo è diventato legge dello stato.

Povera Italia, come sei ridotta !

8 commenti:

  1. Infatti.Non avrei mai pensato di vedere tanto scempio! Anche quando la corrotta DC spadroneggiava, i peggiori scenari che potevamo ipotizzare non arrivavano a tanto.
    Quello che mi atterrisce, in realtà, sono gli italiani che con il sorriso sulle labbra se ne vanno per la loro strada, indifferenti a tutto...

    RispondiElimina
  2. atterisce è una parola appropriata, io vedo tanta paura di affrontare la realta' che sta diventando sempre più dura, mi sa che gli italiani non hanno più il coraggio di affrontare il futuro, ne la voglia e la dignità di arrabbiarsi nel sentire che la clandestinatà è di per se un reato, a questo punto ogni scenario futuro è possibile,
    saluti
    Rocco

    RispondiElimina
  3. già siamo ridotti proprio male!
    ogni tanto mi arrendo e rinuncio a capire, come è possibile, che la gente non apra gli occhi, le orecchie?
    Come può così inconsciamente abbandonarsi a un pensiero privo di critica, bersi tutte le stronzate che gli rifilano alla tv, adeguarsi alle false verità della chiesa e di altre religioni, che vogliono dominarti con il castigo e la paura, perchè quando si ha paura non si è grado di pensare e sei più assoggettabile
    Come si può accettare una vita insignificante fatta solo di ipocrisie, ed esteriorità, del valgo solo ciò che possiedo?
    Come...boh ...forse come al solito l'uomo impara solo quando tocca il fondo!

    RispondiElimina
  4. finche passa il concetto che la castità sia una virtù mentre io penso che sia una malattia grave dello spirito come possiamo pensare che questi portatori di castità abbiano il concetto di generosità che possiede chi sia stato almeno per una volta nella vita travolto dalla passione amorosa e sensuale, da quella leggerezza, da quella dolcezza da quei dolori, poveri sacerdoti persi a dichiarare il loro amore al piu virtuale degli amori che ne sanno loro dell'amore, al massimo conoscono il potere e la sottile perversione dell'astinenza, della crudeltà mentale alla quale allenano prima se stessi e poi gli altri
    e quel povero padre....come dice la valduga poeta...."liberalo signore, liberalo dal male..." la preghiera piu straziante che io abbia mai sentito
    francesca2

    RispondiElimina
  5. @ tutti. Meno male che qualcuno si indigna (a Milano una bella manifestazione spontanea oggi!) e non lasciamo la piazza ai neo-inquisitori -:)

    RispondiElimina
  6. e mentre veltroni dice "evitiamo lo scontro laici con cattolici" io dico è ora di andarci allo scontro, alla guerra santa, a quello che volete ma basta, basta, basta
    non con il fuoco ma con le parole di fuoco e gli atti
    su la testa atei!
    e lo sbatezzo subito,nel sito www.uaar.it
    francesca2

    RispondiElimina
  7. @Fancesca2. Lo scontro laici cattolici? torniamo indietro di cento anni. Qui c'è in ballo la Costituzione repubblicana che questi vogliono scardinare. Non facciamoci intrappolare da false battaglie.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.