giovedì 17 novembre 2011

I' piango ed ella il volto co le sue man’ m’asciuga





I' piango; et ella il volto
co le sue man' m'asciuga, et poi sospira
dolcemente, et s'adira
con parole che i sassi romper ponno:
et dopo questo si parte ella, e 'l sonno. 
(Canto 359 vv. 67 e segg.)

Francesco Petrarca - Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)
(XIV secolo)
Quando il soave mio fido conforto

3 commenti:

  1. bella davvero interpretazione notevole. Ciao Guglielmo. Grazie della viisita
    una dolce giornata
    a presto
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. avrei perso questa "chicca" se non l'avessi postata! Davvero un'interpretazione intensa dei versi di Petrarca! Mi fai fare un salto nel passato, ai tempi universitari, quando passavo ore a leggere versi e opere dei nostri grandi poeti...

    RispondiElimina
  3. Maurizio sai che sei sempre il benvenuto qui -:)))

    x TuristadiMestiere. In effetti l'avevo persa anch'io questa cosa a l'Infedele, ma per fortuna che c'è youtube -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.