martedì 18 maggio 2010

E' morto il poeta Edoardo Sanguineti

Ho ascoltato Sanguineti al Cinema Massimo di Torino per una conferenza su un film in b/n restaurato di cui non ricordo più il nome. A Torino è sempre stato di casa e spesso era invitato per conferenze e presentazioni. 
Era una persona che amava raccontare e la sua cultura vasta, enciclopedica, affondava le radici nel dibattito culturale e politico del '900 dalla psicanalisi fino alle neo-avanguardie.
Nella mia piccola biblioteca di casa ho due suoi testi Sanguineti/Novecento (Conversazioni sulla cultura del ventesimo secolo), Il Melangolo e Smorfie (Romanzi e racconti), Feltrinelli. 


Haiku di Edoardo Sanguineti



È il primo vino:
calda schiuma che assaggio
sulla tua lingua.

2 commenti:

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.

La fascinazione della notte

Céline nel Viaggio al termine della notte attraversa il male del mondo: dalla incomprensibile carneficina della Prima Guerra Mondiale (che a...