domenica 30 ottobre 2011

Lieve offerta, Antonia Pozzi



LIEVE OFFERTA
                         Vorrei che la mia anima ti fosse
                         leggera
                         come le estreme foglie
                         dei pioppi che s'accendono di sole
                         in cima ai tronchi fasciati
                         di nebbia -
                         Vorrei condurti con le mie parole
                         per un deserto viale, segnato
                         d'esili ombre -
                         fino a una valle d'erboso silenzio,
                         al lago -
                         ove tinnisce per un fiato d'aria
                         il canneto
                         e le libellule si trastullano
                         con l'acqua non profonda -
                         Vorrei che la mia anima ti fosse
                         leggera,
                         che la mia poesia ti fosse un ponte,
                         sottile e saldo,
                         bianco -
                         sulle oscure voragini
                         della terra.
                         Antonia Pozzi


Pensierino. La lievità, si. Ecco quello che mi manca è una "offerta lieve". Si affastellano i sentimenti come in un magazzino, alla rinfusa e non trovo più niente. Non trovo nemmeno più la chiave del magazzino. Eppure dentro quel deposito confuso c'è tutta la mia vita. Si, mi manca di fare una offerta lieve pescando dentro a quel magazzino.

7 commenti:

  1. la levità è la chiave.

    Chiavi per trovare le ricettine, invece, non ce sono. Ho provato con : burro, olio, sale e pepe, zucchero, zucchine, melanzane, peperoni, pomodori, trote, carne, sugo, carbonara, pane... NIENTE.
    pensierino:
    Guglielmo vive d'arte e d'amore e non di solo pane.:-))

    RispondiElimina
  2. Ho postato anche io, tempo fa, queste parole di Antonia Pozzi. Le trovo...lievi appunto e molto belle.
    Per il tuo pensierino, ti comprendo molto bene.
    Le chiavi di lettura di noi stessi, a volte si perdono, altre volte si ritrovano inaspettatamente... ma bisogna soprattutto desiderare e sognare, spesso è necessario impegnarsi e non arrendersi alla (cinica e beffarda) confusione.

    RispondiElimina
  3. La lievità è una patria senza indirizzo

    Biblioceca.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  4. x Giacy . Magari !
    Devo recuperare subito questo gap delle ricette non pubblicate. Sarebbe una cosa strana visto che sono cuoco ufficiale di casa da tempo immemorabile...
    Per Mat. Dovrò passare dal Bomazepan alla valeriana...Ho bisogno di sognare di più, ma il sonno è beffardo ed il sonno troppo lieve -:)
    Per l'Anonimo col cannocchiale. Speriamo, il mio sogno è (forse) quello di perdermi, ma non riesco a farmene una ragione -:)))

    RispondiElimina
  5. Guglielmo ... i sogni più belli sono quelli ad occhi aperti :-)

    RispondiElimina
  6. Levità, santo cielo, non lievità...

    RispondiElimina
  7. x Anonimo. Ma lievità o levità non sono sinonimi... Ma forse mi sbaglio io... -:)))

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.