giovedì 25 giugno 2009

Siamo in buone mani

La Guardia Nazionale Italiana (inutile cliccare, il sito è "scomparso" da alcuni giorni) è una Onlus inquadrata nella "protezione civile". Ci tengono a precisare che non effettuano "ronde" così come vorrebbe la Legge Maroni. E la cosa ci ha tolto un peso dallo stomaco.

(Questa era la divisa originale prima dei colloqui con "Autorità di Governo")

Sul sito di questa associazione è apparso un comunicato che riportiamo integralmente:

Dopo colloqui avvenuti con Autorità di Governo, al fine di semplificare l'abbigliamento e non creare confusione o false polemiche, il vestiario della G.N.I. sarà così composto:

Camicia Kaki a manica lunga (stesso modello e colore in dotazione all'Esercito Italiano)
Cravatta nera
Fascia da braccio bianca recante il simbolo dell'organizzazione
Patch tricolore (da applicare sulla manica destra all'altezza del deltoide)
Patch recante la scritta "Guardia Nazionale Italiana" (da applicare sul petto lato sinistro sopra il bottone della patta)


Inutile dire che questi "colloqui" avvenuti con "Autorità di Governo" non ci hanno per niente rassicurato, anzi. Almeno prima sapevamo con chi avevamo a che fare (vi ricordate quelli del l'associazione "ariana" del film Blues brothers com'erano vestiti?)
Per l'acquisto di queste divise e degli accessori "consigliati", il sito della Guardia Nazionale Italiana rimanda ad altri siti specializzati in questo "genere" di forniture come ad esempio Militaria. Inutile dire che molti di questi siti sono gestiti da personaggi di Forza Nuova et similia.
Tra gli articoli proposti ce ne sono di veramente carini e ve ne mostro uno assai sobrio ed uno assai particolare:



(Modello TACT ARMOR CHASSIS CADPAT € 98,8)
Oppure questo che non capisco bene a cosa possa servire, ma sicuramente avrà una sua utilità...



(SHEMAG BIANCO ROSSA a soli € 7,9)

7 commenti:

  1. Che dire, fors lo o la shemag bianco rossa sarà per chi vuole vestire più sfizioso o magari mimetizzarsi per entrare dentro a certe comunità....

    Cmq resta il fatto che queste ronde a me preoccupano assai.

    RispondiElimina
  2. la paura può farsi largo anche guardando una divisa, o l'espressione e la posa di chi la porta, se fossi in difficoltà andrei a farmi aiutare da una persona vestita e che si atteggia in questo modo? perchè c'è qualcosa in questa immagine che non è rassicurante per me che sono una persona mite? perchè non posso fare a meno di chiedermi perche alcune persone scelgono di difendersi con questa forma? perchè ho l'impressione che dietro questa immagine non ci sia un pensiero razionale? perchè mi sembra di essere di fronte a un bambino che gioca alla guerra solo che le armi sono vere? chissà se rom può aiutarmi a capire.....
    francesca2

    RispondiElimina
  3. @Daniele. Mi sembrava che l'ironia sull'uso del Shemag fosse chiara: questi fanno i provocatori di mestiere. Te li trovi dalla tua parte nelle manifestazioni, incazzati, violenti, scatenati e qualcuno ci crede pure e gli va dietro. Fanno il paio con quelli che (purtroppo) abbiamo già "in dotazione" -quelli per intenderci che vanno a bruciare bandiere e non solo-. Poi arriva Emilio Fede e ci puccia il pane...

    RispondiElimina
  4. ULLALA' !!
    AZ! Ora si che mi sentirò sicura e protetta quando attraverserò la strada e ci saranno le Guardie Nazionali Italiane a guard_Armi le spalle!!!
    (uhm...mi sa che è meglio che inizi a camminare all'indietro come fanno i granchi!!)

    RispondiElimina
  5. Non amo la polizia,ma la domanda sorge spontanea: perché i poliziotti non hanno nemmeno la benzina per far camminare le auto e sono senza carte per le fotocopie, e ci sono concorsi vinti e posti vacanti, mentre ci sono i soldi per loe guardie private?
    Allora tifo per la Polizia di Stato. Assurdo ma è così!

    RispondiElimina
  6. Grazie Guglielmo della segnalazione...Teniamo a mente...non più bracciale nero ma bianco..forse una kefiah...ma se sono come quelli dei Blues Brothers potrebbero essere così scemi da mettere la kefiah con il resto dell'uniforma che hai descritto tu...perché in genere si tratta di innamorati, appassionati, fan scatenati dell'uniforme...senza le quali si sentono quello che sono...piccolini, poveri e indifesi...

    RispondiElimina
  7. Ho gli stessi dubbi di Luz.
    Come mai c'è un corpo speciale (24 persone) per la scorta al premier e non ci sono soldi per la benzina delle auto degli altri corpi meno speciali?
    Perché ci sono carabinieri che scortano le escort e non ci sono poliziotti per tutelare la gente comune?
    Come mai diminuiscono i soldi per polizia, carabinieri e si favorisce la polizia fai da te?
    Perchè dovrei sentirmi più sicura dalla presenza delle Guardie Nazionali?
    Troppe domande retoriche?
    ginetta

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati. Si confida nei lettori che vogliono lasciare una traccia del loro passaggio.